Flower 58

sabato 14 gennaio 2012

Come creare un ombretto in casa

Ciao ragazze, parliamo oggi di come fare un ombretto in casa.
Questo metodo ci consente di  preparare tante jar di polveri colorate e scintillanti!

Cosa ci serve (a seconda della ricetta che seguiamo):
  • Ossido di zinco o biossido di titanio;
  • Talco cosmetico,
  • Amido di riso;
  •  Pigmenti minerali o Mica;
    Riporto due versioni con ingredienti leggermente diversi, per facilitare la preparazione a tutte coloro hanno difficoltà nel reperire i prodotti.

    Prima versione, con ossido di zinco e mica.
    Per questo tipo di preparazione basterà pesare circa 2 gr di ossido e aggiungere la mica senza esagerare con le dosi (0,5 gr di colore basterà per creare un ombretto pigmentato). Una volta pesati gli ingredienti andiamo a metterli in un piccolo mortaio (possibilmente non di legno, che come materiale poco si presta alle polveri: preferiamo la ceramica), e lavoriamo l'ombretto per renderlo il più fine possibile. Non facciamolo di fretta: almeno 5 minuti saranno necessari per evitare grumi e polverizzare bene. Proviamo quindi il colore sulla nostra pelle: se il colore ci risulta troppo chiaro aggiungiamo mica, se troppo scuro la parte bianca (in questo caso ossido di zinco), altrimenti possiamo versarlo con attenzione nella jar.



     La seconda versione prevede invece l'utilizzo di

    • 3 gr di mica, 
    • 0,5 gr di biossido di titanio 
    • 0,5 gr di talco.

    Pesiamo gli ingredienti con l'aiuto di una bilancina e, come nel primo caso, usiamo il mortaio di ceramica per polverizzare tutte le polveri. Valutiamo quindi il colore.
     Quest'ultima preparazione è più adatta in caso vogliate ottenere un ombretto più persistente sulla pelle, il biossido di titanio è utile infatti per migliorare la coprenza dei colori.


    Usiamo piccole quantità per volta.
    Un grammo può cambiare completamente colorazione  ad un ombretto!!


    Alcuni degli ombretti fatti da me.

     Non ho il mortaio: come faccio?
    Se non create cosmetici abitualmente (se lo fate spesso conviene investire in un mortaio, anche piccolo), possiamo avere lo stesso effetto poggiando le polveri su un pezzo di carta da forno non troppo piccolo e mischiando leggermente con un cucchiaino, per poi posare sopra le polveri un altro pezzo di carta da forno e premere ripetutamente con il pestacarne .


    Nella mia pagina Facebook, in QUESTO album, trovate alcuni tra i colori che ho fatto.

                                                                                                          Lalla

      8 commenti:

      1. Ciao Lalla, avevo letto che le miche non bisogna pestarle perché altrimenti si rovinano. E' vero?

        RispondiElimina
      2. Ciao Laura, perchè non bisognerebbe pestarle? E' necessario farlo, per miscelare le polveri e non formare grumi, oppure mischiarle con il grinder!

        RispondiElimina
      3. ciao.. l'ombretto si conserva con il conservante apposito o si può conservare tranquillamente in frigo senza aggiungere conservanti? chiedo perchè ho delle particolari allergie e purtroppo i conservanti contengono alcol benzilico a cui sono allergica.. grazie in anticipo :D

        RispondiElimina
        Risposte
        1. Ciao Sonia, il conservante si usa solamente quando c'è presenza di acqua, potenziale via per la trasmissione di batteri e germi.. Questo prodotto non lo contiene, dunque non è necessario usarlo, e non è necessario con servarli nemmeno in frigo, basta un luogo fresco asciutto, così come tutti i prodotti di cosmesi, ben chiuso. Le polveri, per l'assenza di acqua e oli, sono tra le cose che si conservano di più! :)

          Elimina
        2. che bella notizia :D quindi la stessa cosa vale per la matita giusto? grazie mille gentilissima e complimenti x le ricette ;)

          Elimina
        3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

          Elimina
        4. Esatto Sonia, se c'è la presenza di oli c'è già qualche rischio in più che questi irrancidiscano, ma il conservante non serve :)

          Elimina