Flower 58

venerdì 29 aprile 2016

Collaborazione Shop Salute: Mistery Box !

Oggi vi parlo finalmente in un sito di cui avrei già dovuto parlarvi un po' di tempo fa, ma ho preferito attendere di provare tutti i prodotti prima di mostrarvi le foto.

Si tratta di prodotti che ho ricevuto dal sito Shop Salute, che mi ha gentilmente inviato una Mistery Shop, ossia una scatola con dentro prodotti a sorpresa di diversa tipologia, tutti ottimi, che ho aperto e provato con tanta curiosità.
Shop Salute (di cui trovate QUA il link) è uno store online con sede a Verona, che propone cosmetici naturali, alimenti per celiaci, integratori, articoli sanitari e presidi medici.
Trovo sia un sito molto chiaro graficamente, con delle sezioni facili da consultare e con schede per ciascun prodotto piuttosto complete, alla quale però aggiungerei l'indicazione dell'inci di ciascun prodotto.
Le spese di spedizione ammontano ad euro 6,00, per tempistiche di 2/3 giorni lavorativi, e variano per coloro che desideri ricevere il pacco entro 24 ore (in questo caso sono di euro 10,00). Sono invece gratuite per gli ordini di importi superiori di euro 39,00. Le modalità di pagamento accettate sono Paypal, Bonifico Bancario e Contrassegno. Mi ha stupido leggere la differenza di prezzo (abbastanza importante) per una spedizione di 24 ore, e soprattutto la cifra aggiuntiva per richiedere il contrassegno, di euro 6,00, rispetto alla cifra che solitamente si aggira intorno ai 3-4 euro per questo tipo di servizio, ma questo immagino dipenda dal tipo di corriere e contratto esistente.

Ma incomincio subito a mostrarvi i prodotti ricevuti, a sorpresa, da Shop Salute.


Il pacco ricevuto era perfettamente imballato, in scatola di cartone rigida e ben chiuso da nastro adesivo, con la scatola all'interno ben ferma e imballata.

Ed ecco la scatola interna, di cartoncino leggero, che conteneva i prodotti ricevuti, protetti da carta, e qualche campioncino.



Il Balsamo Alkemilla alla Lavanda e ed Eucalipo è stato l'ultimo prodotto che ho provato, ma il primo di cui di parlo, dal momento che lo ritengo un prodotto particolarmente interessante.


Comincio con il dirvi che è contenuto in un tubo di plastica da 250 ml, dunque una dose abbastanza generosa, e la prima cosa che ho pensando tenendo in mano questo flacone è che la plastica di cui è composto sembra spessa come un foglio di carta, tanto da preoccuparmi per l'integrità del prodotto durante la conservazione con gli altri prodotto: mi rendo conto ora che si tratta di una preoccupazione abbastanza infondata, ma su un primo momento mi sono trovata veramente spiazzata da una confezione che appare tanto fragile. In realtà ho scoperto poi con l'utilizzo che questa tipologia di confezione si rivela comunque resistente e comodissima per l'uso: non serve spingere troppo con le mani bagnate per prelevare il prodotto, e anche adesso che è presente meno prodotto nel flacone è estremamente facile prelevarlo (molto più che con altri flaconi in plastica rigida). Lo stesso prodotto è presente nella stessa dose anche con un altro flacone, di cui non so indicare se la caratteristica è la stessa.
Parlando del prodotto si presenta come una crema piuttosto corposa, dal colore giallo chiaro, molto profumata: le principali note che si sentono sono quelle di lavanda, e si comprende bene che ci sono altri ingredienti che ne modificano l'odore, ma se non sapessi che proviene dall'eucalipto non li avrei probabilmente collegato a questo, pur essendo una profumazione piuttosto caratteristica.
Ho applicato questo prodotto come semplice balsamo, lasciandolo in posa per qualche minuto, e ho subito notato che mentre rende molto morbida la lunghezza del capello fatica un po' di più a districare le punte, con il risultato che pettinando i capelli dopo circa 3 minuti come indicato il pettine (personalmente ne uso uno a denti larghi) scorre facilmente per tutte le lunghezze ma incontra difficoltà a liberarsi dai capelli in quanto le punte rimangono leggermente annodate. Ho risulto facilmente questo piccolo inconveniente lasciandolo in posa per più tempo, anche una decina di minuti, affinchè renda più setose le lunghezze e districhi al meglio le punte. In questo modo lo utilizzo con soddisfazione, e lo risciacquo con facilità nonostante sia un prodotto piuttosto corposo che avvolge i capelli come una crema. La profumazione rimane poco sui capelli, e si sente molto delicatamente il profumo di lavanda. Ho trovato questo prodotto utile e valido, meno rapido come uso rispetto ad altri, che realmente fanno effetto in brevissimo tempo, ma comunque funzionale e che quindi consiglio.

Clicca sull'immagine per ingrandire

Il costo è di euro 11,50.

Il secondo prodotto di cui vi parlo è la Crema Viso Lenitiva alla Peonia di Maternatura.
Il prodotto è contenuto in flacone con dosatore di plastica, in dose da 50 ml.


Dopo aver provato questo prodotto posso affermare che questa è una delle creme più leggere che io abbia mai provato. Ma mi spiego meglio, affinchè non passi il messaggio che l'applicazione di questa crema è come acqua fresca. Avverto qualsiasi crema (non so se sono l'unica) una volta applicata, per piccole sensazioni che mi dà sulla pelle, come la cute leggermente appiccicosa, o particolarmente fresca, anche a distanza di tempo dopo che questa è stata applicata e si è ormai assorbita. Se non ho altri fastidi particolari sono sensazioni che non mi danno alcun problema, e che quasi mi aspetto in una crema, dal momento che appunto sono abituata ad avvertirli.
In questo caso non ho riscontrato nulla di simile: sula mia pelle è come se non avessi applicato nulla, nessuna sensazione che solitamente avverto con l'applicazione di prodotti cremosi. ma nonostante questo l'effetto della crema si è avvertito eccome: molto delicata, lenitiva come de descrizione, e nutriente, anche sulla mia pelle molto sensibile e reattiva. Si assorbe velocemente senza scia bianca e lasciando pochissimo profumo, motivo per cui la consiglio a chi non ama i prodotti troppo profumati sul viso.

Clicca sull'immagine per ingrandire

Il prezzo di questo prodotto è di euro 21,90.


L'ultimo prodotto di cui vi parlo è una Lozione Corpo al cocco, della marca Dr Organic.
Quando ho visto la confezione mi sono subito incuriosita, sia per la profumazione che emanava ancor prima di aprire il flacone, sia perchè ho già provato una crema corpo di questa azienda, precisamente la versione Royal Jelly, che ho veramente apprezzato. Si tratta di flaconi con tappo a scatto in plastica piuttosto generosi, da 200 ml.


Purtroppo questo prodotto è stato invece quello che ho gradito meno tra quelli ricevuti.
Incomincio col il dire che se cercare una profumazione piuttosto persistente al cocco questo prodotto è esattamente quello che fa per voi: ha infatti una fragranza piuttosto caratteristica e che dura nel tempo. Purtroppo nel mio caso però l'odore cambia dopo pochi attimi di massaggio, virando quasi all'acidulo, per reazione con la mia pelle. Quest'ultima profumazione che avverto dunque non la trovo troppo piacevole, o almeno lo sarebbe se fosse meno forte. La consistenza invece è esattamente come ricordavo dalla prima prova di una versione simile: un prodotto cremoso ma non tropo denso, dalla consistenza che trovo perfetta per una crema corpo, facilmente spalmabile e a facile assorbimento.
Riesco comunque ad apprezzare sotto questo punto di vista il prodotto, ma trovo veramente difficile l'utilizzo su alcune zone del corpo a causa dell'odore. Per ora lo sto utilizzando sulle gambe e sui piedi, ma dopo l'applicazione non posso fare a meno di lavarmi le mani.
Peccato dunque per questa caratteristica che si avverte su di me, ma che trovo sia estremamente soggettivo in quanto su un'altra persona su cui l'ho applicato non ho riscontrato questo, avvertendo anzi una profumazione al cocco piuttosto piacevole.

Clicca sull'immagine per ingrandire
Il prezzo di questo prodotto è di euro 13.90 circa.

Ringrazio Shop Salute per questa Mistery Box, e vi suggerisco di visitare personalmente il loro sito per scoprire i cosmetici (e non solo) che propongono, e verificare la gentilezza del personale come anche io ho potuto constatare a seguito di alcune indicazioni richieste via mail.

Ricordo, come sempre, che non sono pagata da questa azienda, così come da nessun'altra, e che questa recensione è frutto di una mia personale esperienza con i prodotti sopra citati, e quindi assolutamente soggettiva e variabile da persona a persona.


                         Lalla



venerdì 22 aprile 2016

La rimozione del make up: qualche consiglio !

Ciao a tutte ragazze,
 in questo articolo vi voglio parlare della mia routine serale per quel che riguarda la rimozione del trucco e detersione del viso, argomento su cui spesso mi chiedete consigli e più volte mi avete richiesto un post in merito. Vi parlerò quindi di come io personalmente mi muovo e vi consiglierò qualche prodotto con la quale mi sono trovata bene, o che comunque trovo valido per alcune esigenze. Di molti di questi ve ne ho già parlato (anche più di una volta), motivo per cui questo articolo sarà fitto di link alle relative recensioni o articoli in cui parlo più dettagliatamente del prodotto. Preciso che per quel che riguarda i prezzi ho indicato, laddove possibile, i prezzi dichiarati nei siti ufficiali delle aziende stesse e non dai rivenditori; quando questo non è stato possibile ho indicato quello che ho trovato sul maggior numero di siti, ovviamente esenti da sconti. Tenente comunque conto che questo fattore può variare leggermente in base allo store in cui questo viene acquistato.



Cominciamo con il chiarire che la routine serate è importante esattamente quanto quella che mettiamo in atto di giorno. Prodotti di detersione, protettivi o lenitivi, sono utili tanto di giorno quanto di notte. Il motivo per cui probabilmente spesso viene trascurata la routine serale è perchè di sera siamo ovviamente meno a contatto con le persone, e non avvertiamo, dormendo, fastidi che possono incorrere anche di giorno, momento in cui invece li trattiamo accuratamente.
Così se la pelle risulta bisognosa di idratazione al mattino provvediamo subito a limitare il disagio con una buona crema idratante, senza pensare che forse quello stesso problema può essere limitato al mattino con una corretta idratazione anche di notte. La detersione serale dunque, spesso per stanchezza, è un passaggio che viene trascurato o addirittura saltato.
Inutile concludere quindi che la sera il viso deve essere sottoposto invece ad una corretta detersione, che andrà valutata e applicata in base alle necessità. Un viso truccato totalmente andrà deterso più a fondo rispetto ad un viso che invece non ha tracce di prodotto, ma teniamo conto che sono tanti le fonti di impurità che si possono depositare sulla pelle, dall'inquinamento a polveri causate magari da un lavoro in ambienti particolari.

Premetto alla mia personale routine il dettaglio che salvo rari casi mi trucco quotidianamente e con un trucco completo (dalla base al mascara quindi), motivo per cui necessito di una detersione accurata.

La prima cosa che faccio, dopo essermi legata i capelli e fissati in modo che non mi disturbino in questi momenti, e lavarmi il viso e il collo con semplice acqua tiepida.
Questo mi permette di togliere dalla pelle una prima parte di trucco, o per meglio dire di scioglierlo e renderlo quindi più facilmente rimuovibile in seguito. Trovo questa operazione molto utile per far sciogliere soprattutto il mascara, l'eyeliner e le matite occhi, ossia i prodotti che dovrei altrimenti rimuovere con maggior fatica. E' importante infatti cercare una procedura che permetta la rimozione del trucco in modo efficace ma delicata, quindi senza aggredire la pelle o irritarla con sfregamenti.
Personalmente questa accortezza si rivela ancora più necessaria dal momento che ho la pelle piuttosto delicata e sensibile.

Una volta lavato il viso (si tratta di un'operazione piuttosto veloce se effettuata con acqua calda) utilizzo un detergente delicato per rimuovere delicatamente altre tracce di trucco.



Ecco alcune idee di prodotti da utilizzare:

  Quello delicato: La Crema Detergente Viso Puryfing della Linea Love Sistems di Green Remedies ha un profumo delicato ma comunque persistente, si applica massaggiando poco prodotto con le mani e rimuovendo l'eccesso con l'aiuto di cotone, una salvietta, o con acqua. Ve ne parlo in QUESTA recensione. (50 ml; euro 32,40)
  Quello profumato: Il Latte Struccante 2 in 1 all'Aloe e Bamboo della Born To Bio l'ho provato due anni fa grazie alla collaborazione con Centro Aloe, store che purtroppo ora è chiuso, e di cui vi lascio il link QUA, Una consistenza morbida e confortevole sulla pelle, nella quale rilascia un profumo leggermente dolce ma non stucchevole, davvero gradevole! (250 ml;  euro 6,99).
  Quello "tuttofare": la Crema Detergente Struccante di BioMarina è quello che io definisco un prodotto tuttofare: l'uso non ha deluso le mie aspettative. Lascia la pelle delicatamente profumata ma soprattutto molto morbida e idratata; in mancanza di tempo (o voglia!) può essere utile per fornire alla pelle quel pizzico di idratazione di cui necessita, già dal momento dello detersione! (confezione da 100 ml; euro 20,79)
  Quello lenitivo: Cercando uno struccante delicato mi sono imbattuta in quello di Avril, Acqua di Fiori d'Arancio. Fortunatamente ho trovato esattamente quello che cercavo, trattandosi di un prodotto fresco e molto delicato anche sulla pelle più delicata. Contiene acqua floreale di fiordaliso e di camomilla; il 99,04% degli ingredienti è di origine naturale. (200 ml; euro 7,00 circa).
  Quello economico: Nella mia ricerca non ho escluso i prodotti più economici, come lo Struccante Occhi Idratante Delicato di Viviverde Coop. Si tratta di uno struccante acquoso che trovo particolarmente efficace per il trucco concentrato sugli occhi, mentre lo trovo meno funzionale per rimuovere la base come fondotinta e correttore (talvolta gli struccanti definiti per occhi rimuovono facilmente anche il resto del trucco). La mia esperienza è stata comunque davvero positiva: delicato così come viene descritto, funzionale e rapido nel rimuovere il trucco. (150 ml; euro 3 circa)
  Quello rilassante: Ho provato il Latte Detergente Linda di Tea Natura diverso tempo fa, e l'ho riacquistato non tanto per l'efficacia sulla pelle, che comunque non è affatto male anche se lo trovo un prodotto più indicato a chi non si trucca in modo pesante o comunque per chi necessita di un prodotto adatto ad una pulizia del viso meno profonda, bensì per la profumazione: ha infatti note di lavanda veramente delicate e rilassanti, che rendono l'utilizzo di questo prodotto una vera coccola! Ne parlo QUA (100 ml; euro 11,50)
  Quello serale: il Siero Detergente Gentle Purifying della marca Green Remedies è indicato proprio per la sera, grazie alle essenze floreali contenute che fanno di questo prodotto un detergente valido per la pulizia del viso, ma anche adatto ad un ultimo gesto rilassante prima del sonno. Ho apprezzato di questo prodotto la profumazione delicata ma persistente, grazie alla piuttosto liquida e morbida basta davvero pochissimo prodotto per l'applicazione. Ne parlo QUA. (50 ml;  euro 28,40)
  Quello "diverso": se volete provare un prodotto dalla consistenza diversa rispetto a quelle sopracitate vi consiglio assolutamente il Detergente Morbido "La Medusa" di Volga Cosmetici.
Si tratta di un panetto morbido e piuttosto gradevole da maneggiare, che crea poca schiuma e risulta delicatissimo sulla pelle del viso, e altrettanto facile da risciacquare, senza causare bruciore agli occhi o secchezza alla pelle. La versione in foto è quella al Latte di Riso, con una profumazione freschissima e davvero piacevole, e viene venduto in barattolo di vetro con chiusura ermetica. (euro 9,99)

Dopo aver pulito con attenzione in viso sarà possibile passare sulla pelle un tonico, che ha il compito di rimuovere le ultime tracce di impurità rimaste e lenire la pelle e può essere utile a mantenere il leggero grado di acidità della pelle (importante sottolineare comunque che se si usano prodotti validi e non aggressivi questo non è solitamente compromesso). Non tutte utilizzano il tonico, e personalmente è uno di quei prodotti di cui potrei fare a meno, per le mie personali esigenze di pelle: il mio viso non sembra risentirne nei periodi in cui ne salto l'uso, e non appare particolarmente diversa quando invece lo utilizzo. Ma essendo tutte diverse vi indico due prodotti che possono essere utili a chi invece ama il genere e a chi vorrebbe provare ad acquistarne uno.




  Quello tradizionale: il tonico per eccellenza, usato da tanti anni, spesso già dalle nostre nonne, è l'acqua di rose. Lo ripropone in una veste allegra l'azienda Born To Bio, mantenendo inalterato il profumo caratteristico delle rose, tanto amato da chi gradisce queste note. Molto delicato e dalla profumazione persistente, questo tonico contiene il 99% degli ingredienti di origine naturale. Ve ne parlo QUA. (250 ml; euro 6,49)
  Quello aromatico: anche gli idrolati, utilizzati anche come materia prima per l'autoproduzione di cosmetici, possono essere applicati come tonici, se si preferisce diluiti sul momento con acqua.
Quello che vi propongo è un idrolato di Santoreggia, della marca Aroma' Planters, con un odore piuttosto particolare e aromatico, particolarmente adatto per le pelli con impurità o grasse. Ve ne parlo QUA. (250 ml; euro 4,10).

Dopo aver pulito con attenzione il viso è il momento di applicare i prodotti idratanti o trattamenti per la cura della pelle. Personalmente non uso sempre il contorno occhi, ammetto di essere un po' pigra sull'uso di questo prodotto, ma ne ho provate alcune versioni, e consiglio quindi due prodotti tra questi che ho trovato validi.



  Quello delicato: massima delicatezza per il Contorno Occhi all'Amamelide di Ecocosmesicreativa, molto fresco e facile da applicare essendo piuttosto fresco. Lo utilizzo sia di sera che di giorno e trovo sia un ottimo prodotto che talvolta applico anche come contorno labbra, dal momento che contiene ottimi attivi utili anche per questa zona. Ne parlo più nello specifico in QUESTO link (30 ml;  euro 18,00)
  Quello floriterapico: il Siero Contorno Occhi Intensive di Green Remedies ha invece una profumazione che personalmente gradisco meno del primo, ma condivide la delicatezza degli ingredienti, con l'aggiunta di essenze floriterapiche che mi piace particolarmente usare la sera prima di andare a dormire, come si nota dalla presenza di diversi prodotti con questi principi. Potete trovare ulteriori indicazioni QUA. (30 ml; circa euro 42,00)


Dopo aver applicato il contorno occhi possiamo procedere alla cura di tutto il viso, con l'utilizzo di una crema idratante, un prodotto utile che vi propongo in diverse marche e versioni, per incontrare ogni esigenza.



  Quello tascabile: la caratteristica principale di questo prodotto Cattier, ossia la Crema Giorno Idratante, è il formato travel in cui è possibile provarla. Questo permette di provare il prodotto con un costo esiguo e una dose minima per evitare spreco di prodotto, e di avere un prodotto sempre pronto da portare in giro per viaggi o anche per uscite quotidiane, utilissima per coloro che non si truccano e che quindi possono trarre giovamento dall'applicazione di una crema in qualsiasi momento della giornale. Ne parlo nello specifico in QUESTO articolo scritto a seguito di Sana 2015. (15 ml;   euro 5,60).
  Quello leggerissimo: non saprei come altro descrivere questo prodotto, se non come una crema estremamente leggera. Sto parlando della Crema Viso Lenitiva alla Peonia, di Maternatura, dalla profumazione delicata, così come il prodotto stesso. Lenisce la pelle irritata e la idrata con delicatezza, e trovo sia uno dei pochi prodotti che in seguito non lascia traccia del suo utilizzo: nessuna lucidità, pochissimo profumo, nessuna sensazione di prodotto addosso. Nonostante questo la pelle trae giovamento dall'applicazione, risultando molto morbida. (50 ml;  euro 21,90)
  Quello versatile: un ottimo prodotto che ho avuto modo di provare è stata la Crema Dissentante Helianthus, di Bioè, una delle tante linee di Inco Cosmetici. Ho scoperto la grande versatilità di questo prodotto, riscontrata durante un utilizzo di questo prodotto anche come crema mani. Trovo infatti sia particolarmente idratante e nutriente anche per questo uso, pur rimanendo davvero leggerissima sulla pelle del viso, senza appesantire o creare sensazioni sgradevoli. Valido e versatile dunque! Trovate QUA altre impressioni (50 ml;  circa euro 44,00)
  Quello nutriente: Questo prodotto rientra nella rosa delle proposte che ritengo più ben riuscite di questo brand. Sto parlando della Crema Idratante Protettiva di BioMarina,  estremamente delicata ma anche veramente efficace, che lascia la pelle molto morbida, che si assorbe piuttosto facilmente. Un prodotto che ho trovato molto valido, che consiglio a chi cerca un prodotto comodo e delicato sulla pelle. (50 ml; euro 23,49)
  Quello femminile: non trovo altro modo per descrivere la Crema Riempitiva Night Gratitude di Green Remedies. Se alcuni prodotti trovo siano adatti sia ad un consumatore uomo che donna, per caratteristiche specifiche come il profumo, trovo questo crema pensata e dedicata ad un pubblico per lo più femminile: la sua profumazione floreale, quasi tendente alla rosa, sarà certamente apprezzata da chi ama queste note dolci e piuttosto caratteristiche, particolari in questo prodotto. Trovate altre informazioni QUA. (30 ml; euro 46,00)
Quello antiage: La Crema Viso Antiage n. 108 di Volga Cosmetici si presenta come una crema molto corposa e nutriente, particolarmente adatta per le persone che hanno la pelle segnata dal tempo o che desiderano contrastare i primi segni di invecchiamento cutaneo. Ha una consistenza quasi burrosa, e la sconsiglio quindi a a coloro che hanno la pelle piuttosto grassa. Ne parlo più nello specifico QUA. (50 ml;  euro 25,00)



E infine... La coccola in più.
Per tutte coloro che prima di apportare idratazione volessero esfoliare la pelle con prodotti validi e con la quale personalmente mi sono trovata  molto bene consiglio alcuni nomi tra i tanti provati.




  Quello delicato: lo Scrub Crema Illuminante di BioMarina è stato da me subito apprezzato per la sua grande delicatezza sulla pelle: si tratta di una crema morbida che si massaggia con facilità, con microgranuli esfolianti che sono stati ben tollerati dalla mia pelle delicata. (100 ml;  22,49).
  Quello soffice: Bioè, linea di Inco Cosmetici, propone la Crema Esfoliante Tersia, dalla consistenza simile ad una mousse, piacevolissima da spalmare e delicata sul viso, anche se nata più per un uso sul corpo. QUA la descrizione. (150 ml;  euro 27,00)
  Quello agrumato: per coloro che non soffrono di pelle particolarmente sensibile consiglio invece l'Esfoliante Levigante Purificante Viso-Corpo di Green Remedies: una profumazione agrumata davvero piacevole quella di questo scrub composto in gran parte da un prodotto cremoso, con all'interno particelle che ho apprezzato maggiormente sul corpo in quanto la mia pelle del viso è piuttosto sensibile. Conosco tuttavia ottime esperienze di altre ragazze con questo prodotto. Ne parlo QUA. (50 ml;  euro 32,40)
  Quello versatile: davvero un prodotto versatile Il Mare Addosso di Volga Cosmetici: tantissime le versioni proposte e tanti anche gli usi. E' possibile usarlo come scrub corpo e viso, se massaggiato con delicatezza, detergente delicato per il viso e corpo e sali da bagno per un momento di relax.
Parlo delle diverse versioni in QUESTO link. (100 ml; euro 3,50).

    Con cosa rimuovere il trucco?


Sono diversi i tessuti utilizzati per la rimozione del trucco.



Tra i più usati troviamo i dischetti di cotone, reperibili ormai in diverse dimensioni e con differenti caratteristiche; i panni in microfibra, da lavare dopo ogni uso; le spugne per rimuovere il trucco, da pulire poi rapidamente e far asciugare all'aria, e i cotton fioc per i punti più nascosti e difficili da raggiungere. Qualsiasi sia il vostro alleato per la rimozione del trucco vi consiglio di scegliere qualcosa che abbinato al prodotto giusto vi permetta di detergere il viso senza dover sfregare e irritare troppo la pelle. Qualora poi scegliate spugnette o tessuti da lavare è necessario che la pulizia dei materiali sia efficace per evitare che i residui di prodotto e di sporco rimangano tra le fibre dei tessuti e vengano ripassati sul viso all'utilizzo successivo.


Spero di avervi dato in questo articolo qualche utile indicazione e di avervi magari incuriosito su prodotti che non conoscevate o che non avete mai valutato, per poter eventualmente provare cosmetici nuovi o creare la vostra routine personale, e attendo ovviamente le vostre impressioni su questi prodotti, se li avete già usati, e su altri che ritenete validi da consigliare!


               Lalla




giovedì 14 aprile 2016

Sfumature di benessere: la Floriterapia

In questo nuovo appuntamento con Sfumature di Benessere, che vi ricordo essere un percorso che racchiude diverse terapie alternative, parliamo di Floriterapia, spesso citata, che venne studiata per prima dal medico Edward Bach, affascinato dalle proprietà dei rimedi floreali, che intuì potessero essere validi alleati per diversi disagi e squilibri sia dal punto di vista fisico ma anche psichico ed emozionale.

Immagine da floriterapia-roma.com

I rimedi ci cui si serviva Bach (da cui poi presero il nome) venivano estratti principalmente con due metodologie: attraverso il metodo solare, nella quale i fiori venivano posti a macerare in acqua di fonte, sotto al calore diretto del sole, per diverse ore, mentre il metodo più rapido, tramite bollitura, che prevede appunto che i fiori vengano messi in acqua di fonte e bolliti per mezz'ora.
Dopo questa prima modalità di estrazione la soluzione viene diluita in distillato, fino ad arrivare alla concentrazione di due gocce di una soluzione della sopra descritta acqua e distillato, in parti uguali (Tintura Madre Floreale)
Alla fine di questo procedimento due gocce del precedente preparato viene mischiato a 30 ml di acqua, formando così i preparati che solitamente si acquistano nei negozi, chiamati Diluizioni Stock.
Come ultimo passaggio abbiamo la diluizione di due gocce del preparato sopracitato in 30 ml di acqua e brandy, chiamata Diluizione d'Uso, ed è la forma che solitamente si assume.

I rimedi floreali hanno il principale scopo di apportare i loro benefici per disagi interni ed emotivi della persona, e di riflesso di andare ad agire anche sulle problematiche fisiche, che spesso sono riconducibili a malesseri interiori.

Immagine da donnamoderna.com

I rimedi floriterapici hanno inoltre la peculiarità di non apportare effetti indesiderati all'organismo, e per questo motivo sono compatibili con la medicina tradizionale. Viene infatti usata anche per i bambini e in ambito veterinario.
La scelta del rimedio floreale adatto avviene con l'aiuto di una figura che conosce le caratteristiche di ciascun rimedio, e che dunque dopo un colloqui e un'attenta analisi di quelli che sono gli stati d'animo, le sensazioni e i disagi della persona può indicare i rimedi floreali che valuta più opportuni, in singoli usi o in sinergie tra questi, per un uso di tempo variabile.

Ma i rimedi floreali non vengono usati solamente per via orale: ne sono un esempio le linee piuttosto ampie con creme o oli a base di rimedi floreali, che vengono poi utilizzati quotidianamente per la cura del corpo o in sedute di massaggi, nella quale spesso questi prodotti vengono creati sul momento, aggiungendo i rimedi floreali a basi di prodotti già pronti.

Attualmente in Italia diverse scuole di Naturopatia offrono nel percorso di studi anche una sezione o degli approfondimenti sulla Floriterapia, per poter ampliare l'argomento, con esami e valutazioni alla fine dei quale se ritenuti idonei è possibile iscriversi all'Albo Professionale dei Floriterapeuti Italiani, pur essendo un titolo non riconosciuto in Italia, come invece già avviene in diversi altri paesi.

Spero con queste poche e semplici nozioni di avervi incuriosito, ed eventualmente spronato a informarvi maggiormente su questo argomento, di cui in Italia si parla poco e spesso in modo piuttosto confuso e inesatto.

                         Lalla



domenica 3 aprile 2016

La Saponaria: scopriamo i Bioinvasati e i kit per autoproduzione!

Come voi ben saprete sono da diverso tempo redattrice per il sito BeautyBag (e se non ne siete a conoscenza ponete subito rimedio curiosando sul sito, attraverso QUESTO link!) insieme alla carissima Daria (QUA il suo canale) e Catherine (per visitare il suo spazio cliccate invece QUI), e in occasione del Natale abbiamo ricevuto un bellissimo regalo di coloro che curano BeautyBag nella parte più tecnica e complicata, supportando e sopportando e nostri ritardi nella stesura degli articoli, le nostre difficoltà nel reperire immagini che rendano al meglio quanto cerchiamo di spiegare, o semplici chiacchiere e confidenze che esulano dal sito ma che creano sempre un clima allegro e confidenziale!
Ho pensato quindi di mostrarvi e descrivervi quanto ricevuto, degli ottimi prodotti della marca La Saponaria, azienda geograficamente a me vicina e molto apprezzata sia per i prodotti finiti che per le sue materie prime, che l'hanno resa anche molto spesso al centro di recensioni proprio sul sito BeautyBag, che vi ricordo raccoglie proprio le recensioni degli utenti, in una sorta di grande database scritte dalla community. Se non conoscete l'azienda o volete semplicemente curiosare sul sito, vi lascio QUA il link al loro sito, curatissimo nei contenuti e nella grafica, che trovo renda la navigazione un vero piacere!

Ecco qua i pacchi ricevuti a sorpresa, incartati con cura e con bellissimi fiocchi, che ovviamente non ho resistito a scartare appena li ho visti!



Questi i contenuti di ciascun pacco: la versione Coccinella dei Bioinvasati e il Kit per autoproduzione M'Assaggiami.



Il primo che vi mostro e di cui vi parlo e proprio il barattolo dei Bioinvasati, nella versione Coccinella, composto da un barattolo di plastica con coperchio, da utilizzare come portatutto in seguito o come vaso per piantare i semini contenuti. Contiene infatti semi di calendula da piantare, per portare un po' di verde nella propria vcasa o doive si desidera, un sapone solido all'Arancia e Canella, che adoro sia nel profumo sia nell'effetto sulla pelle, e uno stick labbra Biocao, anch'esso apprezzato e che trovo indicato anche per gli uomini, in quanto non lascia le labbra lucide e quindi le mantiene morbide e belle con un effetto comunque naturale. Ogni versione dei Bioinvasati propone prodotti diversi (motivo per cui il prezzo varia leggermente dall'uno  all'altro) e anche i semini contenuti sono di piante diverse.



Consiglio i Bionvasati perchè a seconda della tipologia di barattolo acquistato è possibile trovare prodotti diversi ad un prezzo più contenuto rispetto all'acquisto singolo dei vari prodotti, e si rivela quindi anche un'ottima idea regalo, magari per persone amanti della natura che sappiano curare al meglio la piantina che nascerà dai semini contenuti. I barattoli possono essere inoltre sfruttati per usi diversi, se non come vaso della pianta che nascerà: altri utilizzi possono essere quello di contenere pennelli da trucco, elastici e accessori per capelli, o qualsiasi utilizzo che la fantasia (e il senso pratico) ci suggerisce.


Tutte le versioni dei Bioinvasati, contenenti semi e prodotti diversi.
Quello che ho ricevuto io e che vi ho descritto ha un costo di circa euro 9,00.


Il kit per autoproduzione M'Assaggiami è quella che io trovo un'idea regalo particolarmente carina e riuscita, se pensata a persone che possono realmente avere il tempo e la voglia di buttarsi in questo mondo, o almeno a provarci in una singola volta.



Il Kit è composto una scatola di cartone rigido, con una bella etichetta sopra che ne descrive il contenuto e fornisce qualche altra indicazione utile, con dentro gli ingredienti utili e gli oggetti finalizzati alla creazione di quello che viene descritto in un foglio di spiegazione contenuto all'interno. Le materie prime sono contenute in flaconi e contenitori di vetro e di plastica, e ciascuno riporta chiaramente l'etichetta identificativa.

Il kit da me provato comprendeva:
100 gr di cera d'api biologica;
100 gr di burro di cacao biologico;
100 ml di olio di mandorle dolci;
10 ml di olio essenziale di arancio dolce;
stampino in silicone per il burro corpo;
vasetto per burro cacao;
vasetto vetro per crema mani;
ricettario e istruzioni.

Il costo di questo kit è di euro 22,00. Il costo varia a seconda del tipo di kit acquistato (in seguito un breve riassunto su quelli disponibili).



Sono diversi quindi i prodotti che si possono fare con questi ingredienti.
Trovo che l'idea di questi kit di autoproduzione abbiano diversi punti positivi, quali la facilità di acquisto, trovando in un'unica box tutto quello che serve per la creazione di determinati prodotti e la spesa più contenuta rispetto all'acquisto singolo, ma temo che possa dare un'idea un po' riduttiva di quello che è l'autoproduzione di cosmetici, ossia di un "passatempo" che si può mettere in atto semplicemente seguendo pari passo una ricetta.
Sulla scheda tecnica sul sito è infatti indicato che i prodotti creati si conservano per pochi giorni, e che per una maggiore conservazione è consigliato l'utilizzo di un conservante, ma trovo queste indicazioni piuttosto "pericolose", in quanto difficilmente chi acquista queste box  è portato a studiare maggiormente la materia, ritenendola a parare mio piuttosto semplice, ed è facile che per questo si sottovaluti il rischio di una scorretta conservazione, magari usando appunto prodotti privi di conservanti per un tempo che invece lo renderebbero necessario.




Per il mio personale (e ovviamente opinabile) pensiero, sarebbe stata un'idea assolutamente vincente se limitata a prodotti molto semplici come appunto burri corpo, eventualmente scrub, esfolianti in genere, o oli da massaggio, senza proporre anche prodotti che necessitino di conservante se usati per tempo maggiore, come per esempio le creme: sicuramente i neofiti dell'argomento avranno apprezzato molto, ma da quello che mi capita di leggere e ascoltare proprio da chi si approccia a questa materia la questione conservazione e pH è spesso piuttosto confusa e talvolta messa da parte, quasi considerandola un fattore opzionale che si può decidere se curare o meno.

Altri kit che propone La Saponaria (immagini prese dal sito dell'azienda):


Kit Basic Instinct, per la realizzazione di deodorante alla menta, dentifricio all'argilla bianca, frizzino deodorante per pediluvio. Il prezzo di questo kit è di euro 19,00.


Kit Calmomilla, per la realizzazione di detergente bifasico, crema viso alla calendula, tonico alla camomilla. Il prezzo di questo kit è di euro 22,00.


Kit per la creazione di una crema corpo all'uva rossa e provitamina B.
Il prezzo di questo kit è di euro 10,90.



Kit Purificante, per la realizzazione di maschera astringente alla salvia, tonico all'ortica, sapone.0
Il prezzo di questo kit è di euro 19,00.


Kit di saponificazione, per la creazione di saponi fatti in casa.
Il prezzo di questo kit è di euro 35,00.
E' presente anche un Kit per saponificare in tutta sicurezza, al costo di euro 15,00.



Spero con questo articolo di avervi incuriosito riguardo ad un'azienda che trovo ottima sia come prodotti sia come iniziative e progetti che sostiene,  dandovi magari qualche idea simpatica e originale per un regalo davvero fatto col cuore!

                                                Lalla




sabato 26 marzo 2016

Collaborazione azienda Bioeco-shop

In questo articolo vi voglio parlare di un negozio online che ultimamente vedo sempre più nominare nei vari gruppi che trattano il tema della cosmesi ecobio o naturale, in particolar modo per un determinato prodotto che peraltro ho ricevuto anche io e di cui quindi mi sono potuta fare un'idea in merito. Sto parlando del sito Bioeco-shop, che potete visitare in QUESTO link nella quale è possibile scoprire la grande varietà di marchi che offre, con anche una sezione interamente dedicata alle offerte del momento e ai pannolini lavabili, per le neomamme che desiderano informarsi maggiormente prima di effettuare l'acquisto, che è possibile poi compiere anche sul sito stesso. Il sito non propone infatti solamente prodotti cosmetici, ma anche detersivi, pannolini lavabili appunto, e infine prodotti adatti per la pulizia e la cura degli amici a quattro zampe. Un sito piuttosto completo quindi, che ha a suo favore la tempistica di spedizione piuttosto rapida: come riportato sul sito infatti qualora gli ordini vengano fatti entro le ore 17.30 il pacco con i prodotti partirà il giorno stesso, limitando quindi sensibilmente i tempi di lavorazione. la consegna avverrà infatti in un tempo massimo di 24/48 ore.
Sotto il punto di vista dei pagamenti i sistemi accettati sono Postepay, Paypal, carta di credito, bonifico bancario e contrassegno, e le spese di spedizione ammontano ad euro 3,90 per acquisti di importo totale inferiore a 39,90, mentre sono gratuite al di sopra.
Trovo che anche il sito sia graficamente chiaro e semplice da visitare, fattore che trovo molto importante per il cliente che visita per la prima volta (ma non solo), e magari neofita dell'argomento: anche le schede dei prodotti sono complete con tutto ciò che serve: dall'indicazione delle certificazioni, al formato dei flaconi e, non meno importante, l'elenco ingredienti di ogni prodotto.
Nonostante l'età piuttosto giovane di questo sito, che nasce nel 2013 da un'idea di Rossella e Giuseppe, nel territorio fertile e generoso di Palagianello, in provincia di Taranto, si tratta sicuramente di un sito ben riuscito con una buona offerta di cosmetici vari e adatti a tutte le esigenze.

Ma non perdo altro tempo (anche se ritengo che il tempo speso a parlare in modo approfondito di aziende non sia mai tempo sprecato) e vi mostro subito i prodotti ricevuti.



Il primo prodotto di cui vi parlo è proprio quello che, come anticipato prima, sento ultimamente piuttosto chiacchierato online: sto parlando del Balsamo Capelli Bioros, all'Olio di Fico d'India.
Si tratta di un prodotto con ottimi ingredienti, della quale potete trovare indicazione nella foto presa dal sito ufficiale dell'azienda, quali l'olio di fico d'India, che ancora non avevo trovato in nessun cosmetico, e i ben più utilizzati burro di Karitè e olio di Argan,



La scheda del prodotto indica come consiglio di utilizzo l'applicazione in dose generosa di questo balsamo sui capelli, dopo il lavaggio, e di sciacquare dopo una posa di qualche minuto. Personalmente ho trovato questo prodotto abbastanza corposo, anche se non eccessivamente da rendere difficoltoso l'utilizzo, ma comunque abbastanza da permettere una corretta applicazione anche senza utilizzare troppo prodotto: un uso abbastanza inconsueto per me, dal momento che avendo tanti capelli e piuttosto ricci e folti solitamente la quantità che devo utilizzare per il balsamo non è troppo minima. Il profumo è presente ma poco persistente, e il prodotto si distribuisce facilmente con le mani o con un pettine per stenderlo meglio sui capelli, che effettivamente dopo pochi minuti risultano molto più morbidi anche al tatto. Non eccessiva invece la capacità districante del prodotto, ma ritengo sempre che la mia percezione sulla capacità districante sia piuttosto limitata in quanto purtroppo ho capelli che spesso si annodano in punti piuttosto difficili da sciogliere, e se prima non li lavoro con un pettine non trovano giovamento con nessun balsamo. Un prodotto comunque che ritengo valido e che riacquisterei.



Il balsamo Bioros è contenuto in un tubo con tappo a scatto da 200 ml, e il costo (in sconto) è di euro 10,90. (prezzo iniziale euro 11,90).


Il secondo prodotto di cui vi parlo è l'Olio per Capelli Balì - Vyda, che mi ha subito incuriosita in quanto raramente uso oli per i capelli, ma senza un reale motivo. Si tratta di un olio appunto, dal colore ambrato molto caldo, che mi ha subito colpito per il suo profumo davvero ottimo e persistente, che mi ricorda gli oli protettivi che si usano al mare in estate, per proteggere da sole e salsedine. La consistenza è tipica dell'olio, molto liquida ma che si dosa facilmente prestando la giusta attenzione quando si preleva il liquido dal tappo dosatore. 



La scheda del prodotto lo indica come buon alleato se utilizzato come maschera, o prima e dopo l'asciugatura, o ancora prima dell'esposizione al mare.
Non ho utilizzato questo prodotto nell'ultimo uso descritto, essendo ovviamente una stagione che ancora non comporta uscite al mare, e nemmeno come maschera, anche se questo utilizzo mi incuriosisce, bensì ho scelto di provarlo per diverso tempo dopo aver lavato i capelli, prima dell'asciugatura. Onestamente la prima impressione non è stata delle migliori, i capelli mi risultavano quasi unti, appesantiti, privi di forma, anche se indubbiamente morbidi e profumati. Successivamente ho capito, o almeno così ho avuto modo di verificare, che si era trattato probabilmente di un problema di quantità eccessiva del prodotto utilizzato, in quanto nelle successive applicazioni non ho riscontrato questo problema. Applico questo prodotto solamente sulle punte per qualche centimetro, e massaggio con le mani sporche il resto dei capelli, affinchè questo vada a spargersi su tutta la lunghezza ma in quantità davvero limitata, che per ora si è rivelata giusta per la mia lunghezza.
Ho provato ad utilizzarlo anche in quantità ancora minore sui capelli asciutti, dopo averli inumiditi veramente il minimo, ma non mi è piaciuto molto l'effetto, in quanto appaiono piuttosto unti, effetto che scompare invece se lo applico sul capello bagnato.
Vi indico inoltre, dopo tante domande in merito, che è proprio questo l'olio che vedete utilizzato nell'articolo in cui descrivo il procedimento del plopping, che vi ricordo in QUESTO link se non lo avete letto e non sapete di che cosa sto parlando!



L'olio per capelli Balì è venduto in confezione da 150 ml, in plastica trasparente, e costa (in sconto) euro 11,15 (prezzo iniziale euro 12,00).

L'ultimo prodotto di cui vi parlo è presente ora in casa mia in due pezzi identici, avendolo ricevuto casualmente identico da due diversi invii: la speranza che mi piacesse e che rimanessi soddisfatta era quindi ovviamente maggiore in questo caso! Si tratta infatti del Sapone Solido all'arancia e cannella de La Saponaria.



Incomincio col dire che amo quest'azienda per diversi motivi: è geograficamente vicina a casa, dettaglio che mi incuriosisce sempre molto e per la quale mi piacerebbe partecipare a qualche loro evento o dimostrazione, mentre ancora non ne ho avuto la possibilità, e trovo sia una realtà giovane, dinamica e recettiva di quello che il cliente cerca, senza dimenticare l'aspetto solidale di ciò che portano avanti. Ho privato tempo fa la saponetta della stessa marca al miele e lavanda ed ero rimasta molto soddisfatta, ma nonostante questo non ho dato per scontato che anche questa versione mi piacesse, in quanto non è raro che una versione di un determinato cosmetico mi piaccia mentre un'altra versione che magari cambia anche solo nel profumo mi provochi effetti e sensazioni diverse. Ma in questo caso l'uso piacevole del prodotto è stato lo stesso, e anzi preferisco quasi questa versione alla precedente provata: sono infatti un'amante delle profumazioni agrumate, che siano esse di arancia, limone, pompelmo e simili, e adoro i profumi speziati, se ben dosati e accompagnati, come in questo caso, che trovo sempre un'accoppiata vincente in cosmesi così come in cucina.
Si tratta di un prodotto lavante con un discreto potere schiumogeno, ma molto delicato sulla pelle, anche in questo caso dopo l'utilizzo percepisco sempre uno strato leggerissimo e per niente fastidioso di olio, che si sciacqua con la semplice acqua corrente ma che rende davvero confortevole il massaggio con questo sapone e l'utilizzo generale dello stesso. Ho finora provato due di questi saponi de La Saponaria, e annusato un terzo, nella versione Mirto e Uva, che ho poi inviato ad una di voi, e devo dire che per tutti i prodotti provati e annusati riscontro un profumo ottimo e un utilizzo piacevole, dall'effetto molto delicato.
Il sapone all'Arancia e Cannella de La Saponaria è venduto in panetto da 100 gr, incartato in carta biodegradabile, e costa euro 3,24.


Ringrazio ovviamente l'azienda Bioeco-shop per la gentilezza e per essere venuta incontro alle mie esigenze in fatto di prodotti, avendo particolare necessità di provare prodotti per capelli, che ho apprezzato e utilizzato con grande piacere! Come sempre vi ricordo che non sono stata pagata dall'azienda stessa per questo articolo, e che la mia recensione è frutto di esperienza personale e soggettiva e dunque può variare da persona a persona.

Insieme ai prodotti citati ho inoltre ricevuto diversi campioncini che non ho ancora però avuto modo di utilizzare, essendo al momento piena di prodotti full size da provare e farvi conoscere!

Vi mando un grosso bacio e aspetto le vostre impressioni su questi prodotti e questo ecommerce!

                       
                               Lalla




domenica 20 marzo 2016

Erboristeria Clorofilla: tisane... e non solo!

Oggi vi voglio parlare nuovamente di un ottimo negozio con sede a Lugo (Ravenna), di cui già tempo fa vi parlai a seguito di una collaborazione durante la quale ho avuto modo di provare un'ottima tisana, gustosa e dal profumo molto invernale, che mi è risultato particolarmente gradito proprio nel periodo più freddo. Sto parlando di Erboristeria Clorofilla, di Cristina e Bruno, della quale lascio QUA il link per visitare il loro fornitissimo sito: in caso di dubbi sui prodotti potete contattare direttamente loro attraverso la mail che trovate sul sito, per ricevere assistenza e scoprire due persone gentilissime che mi auguro di conoscere presto!
Per coloro che non conoscessero questo negozio e volessero curiosare anche tra i prodotti che ho ricevuto in precedenza ricordo l'articolo scritto tempo fa e visibile in QUESTO link, nella quale ho indicato anche informazioni tecniche quali spese di spedizione e altre condizioni di vendita utili.

A sorpresa ho ricevuto tempo fa un altro pacco da parte loro, contenente due stick di burrocacao e le loro ottime tisane, che ho poi potuto apprezzato anche grazie ad un ottimo Panforte all'Arancio e Cacao, da mangiare in piccoli pezzi (è infatti squisito, ma super calorico!) accompagnato ad una bella tazza di tisana fumante. Dal loro sito ho acquistato anche il colino a pinza per filtrare al meglio queste tisane, che avevo già a casa ma che ho deciso di rinnovare essendo il mio piuttosto vecchio. Trovate sul sito anche accessori e oggetti utili proprio legati al rituale del tè e tisane, come scatole portabustine molto graziose (ottime magari come idee regalo, se donate già piene di bustine di diversi gusti), o tisaniere, colini ad immersione o tazze con colino incorporato,

Ma inizio subito con il mostrarvi che cosa ho ricevuto, per descrivervi poi le mie impressioni su questi prodotti.



Tutte le tisane descritte in seguito hanno un costo di euro 4,90, per 100 gr di prodotto, confezionato in bustina trasparente con indicazione degli ingredienti.



La Tisana Clorofilla, che omaggia anche nel nome il negozio, è composta dai seguenti ingredienti:

Mela, Uva Sultanina, Carote, Ananas, Cocco, Scorza di limone, Cranberries, Barbabietola, Petali di rosa, Melagrana, Mandarino, Vaniglia, petali di Gelsomino.




Concordo sulla definizione che si legge sul sito, che definisce questa tisana "un mix fresco e fruttato che profuma di primavera". In particolare trovo particolarmente persistente il profumo del cocco, che trovo abbia note particolarmente riconoscibili. Non troppo dolce, è ottima da sorseggiare sia senza zuccheri aggiunti che con poco miele (io ho scelto quello millefiori),

La Tisana Figaro richiama nel nome il compositore Gioacchino Rossini, che visse per lungo tempo a Lugo e alla quale è intitolato il teatro della città.
Troviamo tra gli ingredienti:

Karkadè, Rosa Canina, Mele essiccate, Sambuco Bacche, Amarene.




Questo preparato, che rende l'acqua di un colore rosso violaceo piuttosto intenso, sprigiona un profumo di amarene piuttosto intenso, tant'è che risulta difficile sentire note olfattive diverse da questa. Il sapore invece richiama molto il karkadè, che amo anche preparato singolarmente e  che in questo caso è arricchito da note differenti difficilmente distinguibili, anche se nel complesso davvero gustose. Dal sapore piuttosto forte, personalmente trovo che non necessiti di ulteriori aggiunge di zucchero.

La Tisana Giò mi ha subito incuriosito come nome, e dal sito ho appreso che è un tenero modo per ricordare Giovanna Buscaroli, volontaria e Presidentessa di ENPA a Lugo, prematuramente scomparsa e ricordata per la sua passione e amore per gli animali.

Questa tisana contiene:

Karkadè, Rosa Canina, Sambuco Bacche, Mele Essiccate, Fragole, Petali di Rosa.




Volendo ricordare la dolcezza di questa donna la nota principale che troviamo in questo preparato è quella della fragola, che possiamo notare in fettine essiccate, e che rilasciano alla tisana il caratteristico sapore e odore di questo succoso frutto. Altre note che personalmente avverto sono più che altro quelle di karitè, per quel che riguarda il gusto, mentre la rosa si avverte nella profumazione davvero molto gradevole. Anche in questo caso, per gli ingredienti contenuti, trovo che questa tisana possa essere assaporata anche senza zucchero o miele aggiunto.


La Tisana Papilio è stata da me già sentita in precedenza e amata fin da subito.
Il nome particolare è dato dal Pavaglione di Lugo, il quadriportico che fa da cornice all'Erboristeria stessa. Papilio deriva dal nome latino del baco da seta, protagonista al mercato di Lugo nel diciassettesimo secolo, che ruotava proprio attorno al Pavaglione.
La tisana contiene:

Rosa Canina, Mele, Karkadè, Roiboos, Mandorle, Cannella, Vaniglia.




La nota preponderante di questa tisana è senza ombra di dubbio la cannella, sia nel sapore che nel profumo, tra i più caratteristici tra quelli provati, che a seconda delle persone può risultare (così come il sapore) molto gradito o particolarmente pesante. Personalmente amo i sapori e le profumazioni speziate, motivo per cui è e rimane tra le mie tisane invernali preferite.
In questo caso trovo che, per il sapore non eccessivamente dolce, stia bene anche con pochissimo miele, che ne addolcisce leggermente il sapore piuttosto forte.


La Tisana Maracaibo mi ha fatto subito sorridere per il nome che evoca paesi esotici e lontani.
E' infatti dedicata a Agostino Codazzi, esploratore di Lugo, i cui viaggi lo portarono fino in Venezuela, dove è considerato un eroe nazionale.
E' composta da:

Ananas, Papaya, Karkadè, Sambuco Bacche, Barbabietola, Fragole, Guaiava, Vaniglia.




Il sapore e il profumo di questa tisana trovo sia dato specialmente dalla papaya e dall'ananas, che rendono questa tisana piuttosto fresca e dalle note fruttate, piuttosto dolci. Le note dolci, date dal karkadè e dalla fragola, si avvertono in misura minore ma rendono comunque la tisana già sufficientemente dolce, e particolarmente gustosa da bere anche fredda o comunque non troppo calda.

La Tisana Asso ricorda invece Francesco Baracca, un vero e proprio "asso" nell'aviazione militare durante la prima guerra mondiale, famoso sia come ottimo soldato ma soprattutto come grande uomo.
E' composta da:

Mela, Uva Sultanina, Carote, Karkadè, Barbabietola, Lamponi, Fragole, Mirtilli Rossi, Rose Petali.




In questo caso la grande presenza di ingredienti dolci come lamponi, fragole e mirtilli rendono questa tisana particolarmente profumata, pur rimanendo non troppo pesante, e piuttosto dolce come sapore.
Il sapore è infatti zuccheroso ma quasi tendente all'acidulo, probabilmente per la presenza della mela e della carota.



Gli Stick labbra Papilio e Clorifilla sono due burrocacao in confezione da 7 ml, le cui differenze sono sia nella profumazione che anche nella consistenza. mentre il primo è profumato al mandarino il secondo ha note molto fresche di menta. Sotto il punto di vista della consistenza sono inoltre due prodotti completamente diversi: Papilio è molto cremoso, confortevole da stendere e da tenere sulle labbra, mentre Clorofilla mi ha sorpreso rivelandosi molto più solido come consistenza, difficilmente spalmabile e se vogliamo anche un po' fastidioso avendo la superficie non perfettamente liscia ma con dei rilievi che non riesco a far appiattire con l'uso e che graffiano quasi le labbra.
Riesco ad usare con soddisfazione entrambe le versioni, ma mentre la prima la trovo una versione veramente gradevole e comoda, per la seconda devo scegliere momenti in cui le labbra non sono troppo screpolate o irritate, per evitare che questo sfregamento con la superficie non si riveli troppo fastidioso.
Entrambi le versioni sono prodotte da La Saponaria, sono vegan (quindi non contengono ingredienti di originale animale) e si possono trovare sul sito dell'Erboristeria ad euro 5,50.


Ringrazio come sempre Erboristeria Clorofilla per la loro gentilezza e vi invito a tuffarvi dentro alle tisane che vi ho presentato: sono tutte ottime e vi terranno compagnia nei vari momenti della giornata!

                                Lalla





martedì 8 marzo 2016

Ricci naturali... scopriamo il Plopping!

Ciao a tutte ragazze, torno oggi con un articolo molto richiesto da coloro che mi hanno visto pubblicare su facebook una foto di un Prima e Dopo, piuttosto buffa, in cui ho nominato il Plopping.
E le domande sono state tante, motivo per cui ho deciso che poteva tornare utile un articolo riassuntivo per descrivermi la mia esperienza con questo trattamento, lungo ma meno fastidioso di altri.



Come prima cosa, cos'è il plopping?

Il plopping è un procedimento particolarmente apprezzato dalle ragazze ricce, ma che anche coloro che hanno altri tipi di capelli talvolta apprezzano, e che prevede un trattamento finalizzato ad una piega voluminosa e naturale del capello che, soprattutto se riccio, permette di ottenere boccoli o onde definite senza dover utilizzare alcun tipo di piastra ondulata o ferro.
Come ben sappiamo infatti le piastre ad alte temperature non sono mai un toccasana per i capelli, che a lungo andare risentono di questi trattamenti apparendo spesso sfibrati o più fragili.

Che cosa serve per effettuare il plopping?

Per questo tipo di trattamento non serve nulla di più di ciò che solitamente utilizziamo per asciugare e mettere in piega i capelli. Muniamoci quindi semplicemente di un asciugamano (o di altro tessuto di cui successivamente vi parlerò), e di un prodotto per lo styling (della quale anche in questo caso trovate maggiori informazioni in seguito). A seconda della tipologia di tessuto scelto possono rilevarsi utili o necessari mollette per capelli con una buona tenuta o elastici abbastanza larghi.
Successivamente ci servirà poi un comune phon, qualora noi decidessimo di non asciugarli all'aria (asciugatura senza dubbio meno traumatica per il capello, ma non sempre possibile).
Altra cosa che ci serve è del tempo, che possiamo comunque sfruttare in casa in altri modi: non è infatti necessario stare fermi in un determinato punto, avremo infatti delle ore completamente libere nella quale possiamo fare faccende domestiche o prenderci un momento di relax.

Come si effettua il plopping?
Come abbiamo detto il plopping è un trattamento che permette una piega naturale piuttosto voluminosa e definita, dunque prima procediamo lavando semplicemente i nostri capelli come da abitudine. Questo momento non necessita di particolari attenzioni, personalmente mi trovo però meglio non appesantendo troppo il capello con maschere o trattamenti particolari in fase di lavaggio: ho notato comunque che si tratta di una preferenza piuttosto personale, in quanto tante altre ragazze so che applicano senza alcun problema anche trattamenti più specifici.


Una volta lavati i capelli occorrerà strizzarli bene, ripetutamente, affinchè questi rilascino l'acqua in eccesso ma rimanendo comunque, ovviamente, bagnati.
Con i capelli ancora bagnati (anche se alcune preferiscono tamponarli leggermente con un asciugamano prima: potete provare in entrambi i modi) applichiamo quindi il prodotto per lo styling, in quantità da dosare in base alla lunghezza del capello e a come questa reagisce al prodotto: stendiamolo bene in modo uniforme su tutte le punte e sulle lunghezze.



A questo punto avremo bisogno del telo citato in precedenza, che avremo preventivamente steso su un piano, che può essere un tavolo, un letto, un ripiano basso, o comunque un piano di appoggio non troppo alto nella quale possiamo facilmente poggiare la testa in verticale. Per fare questo è necessario raccogliere i capelli con la mano come se dovessimo stringerli in una coda, in cima alla testa...



... e poggiare quindi la testa sul telo con tutti i capelli sotto.



A questo punto dobbiamo chiudere tutti i capelli così come sistemati, quindi sistemati in un unico punto, e fissare bene il telo sulla testa. Per fare questo solitamente il metodo più semplice è (utilizzando un telo rettangolare steso in orizzontale) posare il lato corto intorno alla testa, sulla nuca e sulla fronte avvolgendola...




... quindi prendere il lato più lungo a destra e a sinistra e attorcigliarlo su se stesso, come se fosse una caramella.



A questo punto possiamo decidere se chiuderlo sulla fronte o sulla nuca: vista la posizione e visto il fatto che dobbiamo poi tenere questa posa per diverso tempo solitamente è più semplice farlo sulla nuca, per non avere il peso sulla fronte.



Per chiuderlo possiamo semplicemente annodare questa parte insieme, o utilizzare un elastico largo per creare una sorta di coda con il tessuto. La modalità con la quale ci si trova più comodi è spesso soggettiva e varia anche in base al tessuto scelto, ma dopo qualche prova si trova facilmente il modo di farlo rimanere in posa.




Una precisazione...
Le foto che troverete in questo articolo sono state scattate in momenti diversi, la maggior parte di questi sono momenti ricreati al solo scopo di fotografare i passaggi: per questione di praticità vedrete quindi nella maggior parte delle foto i capelli asciutti, ma il risultato non cambia: anzi a capelli bagnati il tutto sarà ancora più facile, essendo meno voluminosi da racchiudere.

Quanto tempo:
Dal momento in cui mettiamo in posa i capelli possiamo attendere un tempo variabile, in base a quanto sopportiamo la posa e al tempo che abbiamo ovviamente a disposizione. Consiglio personalmente un tempo di uno o due ore, affinchè il prodotto applicato penetri bene nei capelli e questi lo possano assorbire in una posizione in cui sono tutti vicini e attaccati alla cute, e non sono sottoposti quindi alla gravità che rende il riccio meno definito in fase di asciugatura.

Con che prodotto:
I prodotti che possiamo usare sono diversi e non differenti da quelli che usiamo per la classica asciugatura con il phon. Personalmente ho provato con la cera per capelli fatta in casa, con gel o oli. I primi due prodotti hanno avuto un effetto piuttosto simile, anche se nel primo caso erano più morbidi ma comunque ben definitivi, mentre con l'olio ho ottenuto un effetto meno definito ma comunque molto belli, più tendenti al mosso che al riccio, ma comunque mai unti o appesantiti. Affidatevi dunque al un prodotto che normalmente apprezzate, nelle quantità che solitamente usate e che comunque potete variare dopo qualche prova con questo metodo.

Con che tessuto:
Personalmente ho utilizzato il cotone, la microfibra e la seta, incuriosita da alcuni pareri di ragazze entusiaste che avevo letto. I miei preferiti sono decisamente il cotone e la microfibra. Il primo trovo sia più leggero da tenere in testa e se si tratta di tessuti leggeri vengono annodati meglio, cosa che talvolta mi risulta più complicato ma comunque fattibile con teli in microfibra, che ho acquistato appositamente per questo scopo ma di cui a dire la verità avrei potuto fare a meno, mentre non ho trovato comoda la seta, troppo leggera e difficilmente fissabile sia con nodi che con elastici, oltre ad essere un materiale che, anche se usato in più strati, assorbe subito l'acqua e lascia molto più a contatto con la sensazione di bagnato. Un'idea furba può essere anche quella di utilizzare una maglia non troppo piccola a maniche lunghe, e usare proprio le estremità delle maniche per annodare il telo in testa. Consiglio in questo caso di non usare capi con applicazioni, bottoni o perline,k per evitare di annodare i capelli e tirarli quando in posa o nel momento di slegare il turbante creato.




Dopo questo tempo di posa sarà possibile slegare i nodi e il telo in testa, asciugandoli a testa in giù con un getto di aria non troppo calda, muovendo delicatamente i capelli e se lo desideriamo aprendo un po' i ricci con la mano.

Di questo si compone il plopping, un sistema che come descritto è più lungo della classica asciugatura ma non troppo scomodo se ben fissato in testa.

Spero di avervi dato uno spunto utile per provare questo sistema, che mi auguro di aver illustrato bene con le foto e che ovviamente posso spiegare meglio, per quel che mi è possibile!


                       Lalla