Flower 58

Naturalmente Lalla

Pazienza, Passione, Prudenza. Le tre P da ricordare creando cosmetici al naturale.

lunedì 1 settembre 2014

Ancora pochi giorni...

Ancora pochissimi giorni e avrà inizio SANA, il Salone Internazionale del biologico e del naturale, con tantissimi stand, convegni, conferenze, e novità da scoprire!
Io sarò presente in fiera lunedì 8 (ma vi ricordo che l'evento inizia il sabato 6 settembre e terminerà martedì 9), per aggiornarvi in tempo reale di tutto ciò che di interessante potete trovare.
Colgo l'occasione per presentarvi anche le altre blogger, e finalmente, a grande richiesta, anche l'elenco espositori!!


Tra gli espositori di cosmetici, troviamo per esempio Alkemilla, Argital, Amici per la pelle, Lepo, Remedia, tutte ottime marche, ma sono ancora tantissimi quelli che potete trovare in fiera, con prodotti da toccare con mano, annusare ed apprezzare!
Lascio in QUESTO link l'elenco espositori in cui trovate tutte le categorie, con un comodo motore di ricerca per filtrare le categorie di interesse.

Vi aspetto dunque, per una giornata all'insegna del verde! :)

LINK sito ufficiale Sana, in cui potete trovare orari, costi e tante informazioni utili!

                            Lalla



giovedì 21 agosto 2014

Anticipazione SANA 2014: salone internazionale del biologico e del naturale.

Ciao a tutti,
torno a scrivere sul blog per presentarvi una bellissima occasione per entrare nel mondo della natura, nei suoi molteplici aspetti. Sono infatti Blogger della fiera SANA, ovvero la Fiera che da sabato 6 a martedì 9 settembre, a Bologna, ospiterà tantissimi espositori sui cosmetici naturali e alimentazione biologica, oltre che numerosi incontri e convegni interessanti, per darci l'occasione di saperne di più su diversi argomenti, trattati da partner del settore e professionisti. Sarà un'occasione di incontro per tutte coloro che vorranno passare una giornata diversa, tra argomenti differenti, tutti molto interessanti e costruttivi, che comprenderanno anche idee per la casa e suggerimenti per vivere quotidianamente con prodotti a basso impatto ambientale.



Ultimo dettaglio, sarà occasione per tutte coloro che da tempo me lo chiedono, di incontrarci e salutarci di persona, in un contesto assolutamente gradevole e in linea con quello che da sempre cerco di trasmettere attraverso il mio blog. Mi troverete molto probabilmente lunedì 8 settembre, data di cui poi vi darò conferma in futuro, in altri post che riveleranno anche l'elenco degli espositori presenti alla fiera, ancora non pubblicato ma che confido saranno presto disponibili.
Ringrazio SANA per questa bellissima possibilità che mi è stata regalata, vi ricordo che la Fiera si svolgerà a Bologna in Viale della Fiera, 20.
Per info su orari, biglietti o per contattare gli organizzatori della fiera stessa in caso di dubbi, lascio QUA il link ufficiale dell'evento stesso, e vi invito a seguire i miei post per le informazioni che pubblicherò in futuro, e a prendere nota di questo bellissimo evento che vedrà partecipi professionisti e non del settore, consumatori consapevoli o semplici curiosi.
Un saluto a tutto, e aspetto i vostri commenti! ;)


                               Lalla
Per a Fiera, 20

sabato 9 agosto 2014

Collaborazione Optima Naturals

Vi presento oggi una collaborazione avuta con l'azienda Optima Naturals, di cui lascio QUI il link per visitare il sito. Optima Naturals ha una lunga esperienza nel settore fitoterapico, che deriva da una lunga collaborazione con due importanti aziende inglese, il Gruppo William Ransom &Sons plc e la Dr Organic Ltd. Optima Naturals ha sede a Gallarate, in cui ricerca, produce e distribuisce prodotti fitoterapici.
In QUESTO link potete trovare, con una semplice ricerca, i rivenditori Optima Naturals, che si trovano anche online presso diversi siti. Il sito comunque presenta diverse sezioni ben fatte, con tutte le informazioni necessarie per saperne di più su questa azienda, della quale vi presento due prodotti.


Prima di presentarvi i prodotti vi mostro il pacco, una busta imbottita arrivata con corriere Bartolini.


Al suo interno ho trovato i prodotti racchiusi dentro una busta stampata col nome dell'azienda.


Il primo prodotto che ho avuto modo di provare è lo shampoo Dr Organic Royal Jelly.
Come tutti i prodotti Dr Organic, questo shampoo ha una confezione dai colori e dalle forme accattivanti.
Parlando del prodotto in se per se, devo dire che mi aspettavo un risultato migliore. Trovo questo shampoo (che si presenta come un gel chiaro) troppo liquido e quindi difficilmente dosabile sui miei capelli ricci, e ha un potere schiumogeno molto forte, tanto che si trasforma subito in schiuma e rende difficile anche il risciacquo, almeno sui miei capelli. Il risultato finale non è male, i capelli non risultano sporchi o spenti (ma nemmeno incredibilmente belli, trovo sia uno shampoo che dà lo stesso effetto di molti altri), ma per la noia che mi dà l'utilizzo stesso, è un prodotto che personalmente non ricomprerei, dal momento che anche il risultato finale non lo trovo particolarmente degno di nota. Inoltre, si può dire che ho cambiato opinione col tempo, in quanto all'inizio non mi piaceva nemmeno il risultato finale che lasciava.
Ottimo invece il profumo, delicato e non troppo persistente.


L'inci non è ecobio, ed è quello che trovate in questo stamp. Cliccate sull'immagine per ingrandire.



Il secondo prodotto che ho avuto modo di provare è la Skin Lotion Royal Jelly, ovvero una crema idratante che ho gradito molto, lascia la pelle delicatamente profumata e trovo che anche la stesura è molto confortevole, senza un tempo eccessivo di asciugatura. Ho provato questo prodotto anche unito a dell'olio, per un massaggio rilassante, e anche in questo caso approvo!


L'inci è quello che indico, direi abbastanza buono.


Vi ricordo che anche per questa collaborazione non sono stata influenzata dall'azienda per la stesura della recensione, che è come tutte le altre imparziali e non prevede alcun tipo di compenso in denaro.
Sarei curiosa di conoscere le vostre opinioni in merito a questi prodotti, soprattutto allo shampoo, che mi ha lasciato alquanto perplessa, per sapere se anche voi avete avuto le stesse mie impressioni!


                                                Lalla


martedì 5 agosto 2014

Come dispongo le materie prime cosmetiche

Dopo tante domande e richieste sulla mia postazione in cui conservo tutte le materie prime, mai descritta prima in quanto non mi aveva mai soddisfatta, finalmente posso mostrarvi le foto di quel che per ora è il mio modo di conservare i vari prodotti.
Incomincio col dire, per spiegare il mio personale punto di vista e per dare un consiglio a chi ancora non ha trovato la propria sistemazione ideale, che questa non deve essere bella, bensì comoda e funzionale. Cercheremo quindi un luogo se possibile al riparo da fonti di umidità e luce diretta, cui tutti i prodotti facilmente accessibili e possibilmente senza la necessità di ribaltarli, per evitare fuoriuscite di prodotto. Certo, non sempre queste condizioni sono possibili, ma certamente possono essere utili per una sistemazione sicura e comoda. Personalmente ho sistemato tutto il necessario in quattro cassetti.


Si tratta di una cassettiera di plastica rigida, suddivisa in due cassetti più piccoli in alto e due più grandi, con inserto trasparente che permette di controllare a vista quello è contenuto in questi ultimi due spazi.
Le rotelle di cui è dotata risultano poi molto comode per gli spostamenti. Si trovano (questa o simili), in diversi negozi di accessori per la casa, bricolage, cancelleria, in diverse grandezze, colori, stili.


Quella che ho io non è tra le più belle che ci sono in commercio, ma ce l'avevo già a casa dunque ho usato questa senza acquistarne altre. Non ho diviso i prodotti per tipologia (emulsionanti, oli essenziali, cere etc), bensì per contenitore (barattoli, busti, boccette etc), in quanto trovo questa sistemazione molto più funzionale per il mio punto di vista e le mie esigenze di spazio.

Il primo cassetto piccolo in alto contiene tutti i prodotti contenuti in busta.


Cera d'api, cumino, xantana, capolini di fiori, miche travasate in bustina. Queste sono solo alcune tra le cose che conservo in questo cassetto. Nel caso in cui avessi scorte di più prodotti sotto diverse forme di contenitori, come nel caso della xantana, che ho via in bustina che in barattolo, lascio i prodotti nuovi più in fondo, quindi meno in vista, ma è una soluzione più che altro pratica in quanto mi ricordo senza difficoltà che prodotto sto usando, e quindi in che cassetto cercare la confezione aperta.


Tra le polveri conservo anche cartine per ph e bilancina, che talvolta sposto nel cassetto dei contenitori.

Nel secondo cassettino troviamo tutti i barattoli di plastica.


Burri, emulsionanti, i barattoli rovesciati sono invece conservati così per via delle dimensioni che non mi permettono la chiusura del cassetto, essendo comunque le polveri internet contenute in buste che ne impediscono la dispersione. I barattolini piccolini sono miche e filler, di cui ho segnato solamente il colore senza il nome, dividendo le miche dai filler con nomi rispettivamente italiani e inglesi (anche se i contenitori diversi mi aiutano a colpo d'occhio).



Il terzo cassetto è dedicato ai contenitori.
Barattoli, flaconi, confezioni per make up, che non riesco a tenere al loro posto in quanto essendo leggeri si spostano. Ma poco male, essendo vuoti possono anche stare ribaltati senza che succedano disastri.



In questo cassetto conservo anche le etichette da scrivere o decorative, con delle penne, qualche foglio di appunti e, in fondo, il raccoglitore con le ricette, che sfilo al bisogno (motivo per cui questo cassetto non è mai in ordine). Al momento diverse cose citate sono mancanti in foto, così come nelle altre, poichè scattate dopo la preparazione di qualche prodotto che avevano richiesto materie prime non ancora riposte prima della foto.


Nell'ultimo cassetto tengo i flaconi, di diverse grandezze e materiale.


A parte l'idrolato di santoreggia riesco a tenerle tutte dritte, con la loro etichetta sul tappo per facilitare la lettura, lasciando quelli più pesanti in fondo, per evitare di far letteralmente sfondare a terra il cassetto al momento dell'apertura. Anche per questo ai flaconi ho riservato il piano più basso, in quando se anche dovesse cedere durante l'apertura la distanza da terra è davvero minima. In ogni caso, sapendo che i passanti di questa cassettiera sono di plastica, non troppo sicuri, pongo sempre molta attenzione quando li muovo. 



Questa è dunque la postazione in cui conservo tutte le materie prime, che trovo al momento abbastanza comoda e adatta per le mie esigente di praticità e spazio ridotto.
Spero di aver soddisfatto la vostra curiosità, nel caso abbiate ancora domande da pormi potete farlo come sempre nei commenti o privatamente!

                                                                                                                                Lalla



lunedì 4 agosto 2014

Burro cacao stratificato multicolore

Pochi giorni fa ho pubblicato su facebook la foto di un burrocacao preparato su due piedi, con pochi ingredienti e un pizzico di voglia di allegria. Sono spopolati i commenti e le domande, motivo per cui ho deciso di scrivere un brevissimo post su come è stato fatto.
Per prima cosa, vi mostro le foto del prodotto in questione, dei veri e propri burri cacao colorati e nel mio caso anche profumati.



Non sono perfetti, ma come prima volta di un esperimento che non sapevo nemmeno se poteva essere fattibile, sono più che soddisfatta!
Per prepararli basta scegliere una ricetta di un burro cacao tradizionale (lascio in fondo dei link utili), senza ovviamente aggiungere colori. Scegliamo quindi delle miche colorate, dai colori accesi e che stiano bene insieme, non troppe in quanto lo spazio a nostra disposizione non è tanto. A questo punto facciamo fondere completamente il nostro mix di oli, burri e cere (a seconda della ricetta), avendo l'accortezza di arrotondare le dosi per accesso piuttosto che per difetto, in quanto ad ogni travaso di prodotto per colorarlo si perde un pochino di ingredienti. Prendiamo quindi un piccolo contenitore e travasiamo poco prodotto, nel primo colore da noi scelto, mischiando bene con uno stuzzicadenti, senza eccedere troppo nel colore, affinchè non vengano colorate troppo le labbra (soprattutto se, come nel mio caso, vengono usati anche colori poco portabili). Facciamo colare quindi il liquido nello stick, facendo attenzione che il meccanismo ad "ascensore" di quando si ruota la rotellina dello stick sia completamente abbassato. Poniamo quindi nel frigo per pochi minuti, il tempo necessario a prendere un altro contenitore, aggiungere altro colore e altro composto, mischiare, e procedere quindi con la stessa operazione dello stick, ricordandosi ad ogni colore di spostare lo stick in frigo per dare la consistenza minima alle varie parti affinchè i colori non si mischino. Per evitare che nel frattempo il mix di burri si solidifichi, consiglio di lasciare questo bicchierino sul fuoco.

Lalla consiglia...

Affinchè il colore non sporchi le pareti dello stick, andando quindi a sporcare i vari strati, consiglio di colare il composto goccia a goccia, eventualmente aiutandosi con delle pipette contagocce, o semplicemente ponendo attenzione a questo passaggio. Ma se succede, nulla di grave!

Link utili...

Se ti serve qualche ricetta per dei burri cacao, clicca QUI o QUI. Ovviamente, ricorda di togliere qualsiasi colorazione per la base, per poterle poi aggiungere mano a mano. Volendo, possono essere usate delle fragranze, ma come mi è stato chiesto consiglio di evitare fragranze o aromi diversi per ogni strato, per evitare l'accumularsi di odori e sapori che potrebbero essere tutt'altro che piacevoli. Scegliete quindi un solo aroma o una sola fragranza, e unitelo nel primo composto "neutro".
Se lo stick scelto ha i fori, conviene procedere col metodo della siringa, illustrato QUA.

Aspetto le vostre coloratissime foto con i burrocacao creati in questo modo, e se vi va ditemi in un commento che cosa ne pensate! :)

                                      Lalla

sabato 2 agosto 2014

Collaborazione Farmacia Anfossi

Vi parlo oggi di una collaborazione avuta con i prodotti Natura+Scienza, della Farmacia Anfossi.
Come prima cosa vi lascio l'indirizzo del sito in QUESTO link, e vi dò qualche informazione utile sul sito.
I prodotti della Farmacia Anfossi hanno certificazioni ISO 90001 e  Ambientale ISO 14001, che spediscono in tutta Italia e accettano come modalità di pagamento paypal, bonifico bancario e contrassegno.  Le spese di spedizione sono basse: 3,70 euro per gli ordini inferiori di 50 euro, gratis sopra tale cifra.



Vi mostro quindi i prodotti che ho ricevuto, che onestamente mi hanno un pò deluso a livello di inci.
Le descrizioni sul sito sono ben dettagliate, con presentazione generale dei prodotti, certificazioni e costi, ma poichè mancano della cosa principale, ovvero l'inci, mi hanno portato a fare valutazioni sbagliate su questi, dal momento che li pensavo prodotti molto più verdi a livello di ingredienti.
Inizio quindi a descrivervi i prodotti uno ad uno.



Il Latte a risciacquo per viso e occhi è un prodotto senza SLS che si usa proprio come un latte detergente, quindi stendendo sul viso, massaggiandolo, e poi rimuovendo il prodotto con abbondante acqua. In confezione da 50 ml, l'ho trovato un prodotto dalla profumazione delicata e non pesante (che personalmente non gradisco mai), e anche la consistenza abbastanza fluida permette una buona stesura del prodotto.
L'inci contiene, tra gli altri, Lauryl Glucoside, ovvero un tensioattivo più delicato di altri, e altri ingredienti (emulsionanti, emollienti etc) abbastanza buoni, anche se come molti prodotti si rovina a metà inci. Contiene infatti Disodium Edta, che ricordo essere un ingrediente altamente inquinante soprattutto per gli organismi acquatici (a noi non provoca danni), e una sfilza di Ethylparaben, Methylparaben, Propylparaben che di certo non mi invogliano (personalmente), ad usare questo prodotto, che ho usato una volta solamente per potervi recensire qualcosa di più sul suo conto.




Il secondo prodotto che vi mostro è la Crema Multivitaminica agli aminoacidi e prebiotici.
Si tratta appunto di una crema giorno da usare quotidianamente che (almeno a quanto scritto), nutre la pelle e la protegge dall'invecchiamento e dal fotoinvecchiamento.
L'inci porta al secondo posto Dimethicone, poco più avanti Trimethicone, e a mezza lista Isoparaffina e altri ingredienti simili. E' certamente una crema ricca di estratti (di achillea, camomilla, e olio di jojoba, di macadamia e altro), ma tanti altri ingredienti che essa contiene, in alte percentuali poi, non mi invogliano certo al suo utilizzo, per la quale troverò usi alternativi. (a proposito, se anche voi cercate un altro uso per i cosmetici trovate alcune dritte utili QUI)


La Crema Pro-Collagene e Vitamina C segue lo stesso principio del prodotto sopra descritto. Si usa al mattino, e ha attivi utili come acido jaluronico, oli vegetali. Ma poi troviamo anche diversi ingredienti anche nelle prime posizioni che purtroppo non mi fanno piacere questo prodotto, e che se venisse invece ripulito da tutti gli ingredienti dannosi potrebbe essere, così come tanti altri prodotti ricevuti. La crema è molto comunque molto leggera e poco profumata, senza parabeni, come come segnalato (consiglio però di valutare attentamente l'inci per verificare cosa altro invece contiene.


Il Bagno Doccia Nutriente è invece un prodotto che non è perfetto a livello di inci, ma che ho deciso di usare come riserva magari, essendo anche in confezione da 100 ml che ben si presta a valigie o piccoli beauty per le vacanze. Sia per l'inci che appunto non trovo terribile (ma non è comunque bio), che per il fatto che questo è un prodotto a risciacquo e che quindi resta meno a contatto con la pelle ho avuto modo di provarlo diverse volte, e mi sono innamorata del profumo: delicato, ma comunque presente, che ricorda quasi (a mio parere), l'odore della pelle dei neonati. La consistenza è liquida ma consente di dosare bene il prodotto, che fa abbastanza schiuma e che quindi consente di usarle in piccola quantità.


La Lozione DS Cute e Capelli è un trattamento cosmetico contro la dermatite seborroica, da usare mattina e sera con un massaggio sulla cute, per limitare la desquamazione della cute. L'uso è consigliato per due settimane per poter notare i miglioramenti. A livello di inci, troviamo un Peg 40 in posizione alta, ma per il resto è un prodotto abbastanza pulito, se non per qualche ingrediente alla fine. Personalmente è un prodotto che non userei,ma proverei piuttosto a riprodurlo a casa.


La Crema Beta Complex della Ceramol è una crema protettiva contro gli agenti esterni, gli arrossamenti, i problemi derivati da pelle secca e disidratata. E' un prodotto cremoso, abbastanza pesante sulla mia pelle, almeno a mio giudizio, con poco profumo. Come inci troviamo diversi ingredienti emollienti, come il burro di karitè al secondo posto dell'inci e altri attivi che purtroppo come per molti altri prodotti non impediscono la presenza di altri ingredienti non ottimi, che personalmente non mi invogliano a comprarne altra.


La Crema Lifting Antirughe dal Laboratorio Farmacisti Preparatori è una crema ristrutturante per la pelle, che stimola la produzione di collagene e contrasta la degenerazione. Si applica sul viso e sul collo alla mattina e alla sera con un massaggio, fino a completo assorbimento. L'inci contiene collagene, acido ialuronico, vitamina e, e burro di karitè, ma anche Peg, Dimethicone e parabeni, che non mi rendono questa crema un prodotto che personalmente consiglierei ed userei.



La Crema Comfort Piedi al burro di karitè  dal Laboratorio Farmacisti Preparatori contiene appunto karitè, allantoina, vitamina E e ceramidi, utili alla alla pelle screpolata come spesso è quella dei piedi, dove va massaggiata anche più volte al giorno per il trattamento delle callosità.
Contiene ovviamente Peg e Dimethicone, alla quale la marca sembra affezionata.
Meglio, contro queste problematiche, burro di karitè puro, presente anche in questa crema.

In generale, mi sono resa conto che anche dei prodotti che seguono ho la stessa identica opinione, ovvero prodotti di cui si trova molto meglio in commercio, che spesso hanno validi attivi, utili per l'uso che se ne deve fare, ma spesso vengono aggiunti a ingredienti dannosi che non mi porterebbero ad acquistare il prodotto stesso, motivo per cui lascio semplicemente le foto, con i nomi ben visibili, affinchè voi possiate eventualmente provarli e farvi un'idea personalmente, per poi eventualmente farmi sapere la vostra opinione su questi prodotti!








Come sempre, ricordo che non lavoro per questa così come per nessun altra azienda, e che in nessun modo sono influenzata nelle mie recensioni.

E voi, avete mai ordinato da questo sito? Fatemi sapere!

                                              Lalla


venerdì 25 luglio 2014

Olio rilassante da massaggio

Oggi prepariamo un olio rilassante da massaggio, per momenti di relax che lasceranno la pelle morbidissima! Cosa ci serve:
  • 10 gr di oleolito di camomilla;
  • 10 gr di olio di nocciolo di albicocca;
  • 5 gr di olio di jojoba;
  • 5 gr di olio di vinaccioli;
  • 2 gcc di oe di limone;
  • 2 gcc di oe di cipresso
  • 3 gcc di oe di muschio;
  • 3 gcc di oe cedro;
  • 5 gcc di oe di ambra;
Lalla ricorda...
Se non hai pronto in casa l'oleolito di camomilla QUA trovi il procedimento per realizzarlo.
Tutti gli oli vegetali e oli essenziali sono sostituibili a piacere e in base a quelli di cui disponiamo, nel caso degli oli essenziali cerchiamo di sostituire una nota di cuore con un altro oe di nota di cuore, e via dicendo.



Per creare questo semplicissimo olio rilassante basta pesare tutti gli ingredienti e unirli nello stesso contenitore, possibilmente di vetro scuro, per poi usarlo sulla pelle magari umida, per facilitare l'assorbimento, possibilmente di sera, per prepararci ad un buon sonno.

                                             Lalla