Flower 58

venerdì 2 dicembre 2016

Collaborazione VegUp: non solo make up!

Ciao a tutte ragazze, in questo articolo vi voglio parlare di un'azienda che ho conosciuto qualche tempo fa, e che ho poi avuto occasione di toccare con mano durante Sana 2016.
Sto parlando di Veg Up, un'azienda giovane, fresca, che unisce prodotti per la skin care al make up, e che in breve tempo ha catturato l'attenzione di diverse tra voi, tanto che più volte mi avete chiesto notizie su quanto provato, di cui vi parlo in questo articolo.
Ma prima di tutto, qualche breve informazione sull'azienda, di cui lascio QUA il link al sito ufficiale.
Veg Up nasce come linea dell'azienda Laboratoires BeWell, con sede a San Marino dal 2007. Solo nel 2014 nasce la linea make up di Veg Up, e nel 2016 vengono presentati (in concomitanza a Sana appunto) i prodotti di Skin Care.
Proprio per la giovanissima "età" di questa azienda troviamo non solo colori e texture molto attuali e ricercati, ma anche formulazioni che incarnano alla perfezione la ricerca del biologico che attualmente molte consumatrici prediligono.
Veg Up è infatti un'azienda vegana e certificata BDIH. L'attenzione di Veg Up è finalizzata, oltre alla produzione di cosmetici con INCI validi, anche all'attenzione per quel che riguarda il confezionamento degli stessi prodotti: vengono utilizzati infatti materiali e packaging in plastica riciclata e quanto più ecosostenibili possibili.

Ma vi mostro subito i prodotti che ho ricevuto e che ho avuto modo di provare per un periodo di tempo abbastanza lungo per potermi fare un'idea personale precisa in merito.
Vi ricordo che i prodotti Veg Up possono essere acquistati presso rivenditori del marchio e presso il sito stesso dell'azienda, con possibilità di pagare con bonifico bancario, contrassegno, paypal e Cartasì.



Il primo prodotto di cui vi parlo è il Liquid Lipstick n. 05 Tulip.
Si  tratta di un rossetto liquido contenuto in tubetto con applicatore , venduto al costo di euro 16,00 e disponibile in 7 diverse nuances.



La prima cosa che mi è saltata all'occhio, o meglio, al naso, è stato appunto l'odore di questo prodotto, piuttosto particolare e forte, che inizialmente mi ha un po' spaventata non tanto perchè sgradevole (ricorda infatti vagamente l'olio di argan come profumo, che personalmente trovo gradevole), ma piuttosto che le note olfattive sono piuttosto forti e temevo mi potessero infastidire in un prodotto simile. Usandolo ho poi appurato che il profumo una volta applicato si sente, ma non risulta fastidioso (anche se non svanisce completamente anche dopo diverso tempo dalla stesura). Si stende facilmente sulle labbra grazie all'applicatore tipico dei rossetti e liquidi e gloss, rivestendo le labbra di un colore davvero gradevole, abbastanza lucido ma che rimane molto elegante sia utilizzato da solo, che sopra un altro rossetto o matita. Altro uso che ho fatto di questo rossetto è stato quello di punto luce sulle labbra, sopra rossetti scuri di colore simile: applicando poco prodotto al centro delle labbra queste risultano subito illuminate, mantenendo comunque un finish non troppo lucido, grazie alla dose minima di prodotto. Il colore 05 Tulip è risultato sulle mie labbra piuttosto acceso, specialmente se usato sopra altri rossetti: non amo infatti usare questo prodotto da solo, in quanto qualora il prodotto si sposti, essendo cremoso, rivelerebbe le labbra sottostanti che nel mio caso sono piuttosto chiare. Inutile sottolineare che si tratta di un rossetto liquido, e non di una tinta: si strucca infatti facilmente con un dischetto di cotone e con uno struccante delicato.



La durata varia ovviamente in base a come si usa e alle attività che si svolgono nel frattempo: come ogni rossetto (soprattutto se liquido) il colore svanirà più facilmente mangiando, bevendo o baciando, ma il prodotto comunque si toglie dalle labbra in maniera piuttosto uniforme, caratteristica che lo rende portabile anche a distanza di diverso tempo dall'applicazione, senza doversi continuamente controllare le labbra: risulterà il colore meno acceso, ma non si toglie a chiazze come molti prodotti fanno.
Nel complesso è stato un prodotto che ho molto apprezzato e che senza dubbio consiglio non solo per la performance sulle labbra, ma anche come colore, in quanto anche se si tratta ovviamente di un parere soggettivo trovo che la tonalità Tulip sia veramente bella.

 Indossato sulle mie labbra.



Inci prodotto (dal sito VegUp):





Il secondo prodotto di cui vi parlo è della linea Face Care, nello specifico la Goji Day Cream, Crema base make up opacizzante ed elasticizzante.
Si tratta di un prodotto cremoso contenuto in un flacone da 50 ml, con dosatore, venduto al costo di euro 39,00.



La prima cosa che mi ha colpito del prodotto, ancor prima di provarlo, è stato il packaging: sia la confezione esterna di cartoncino, che lo stesso dispenser di plastica, sono rivestite di colori e particolari curatissimi, con un elenco inci chiaro e ben leggibile, così come le caratteristiche del prodotto.
Altro fattore che mi ha colpito è stato il profumo: la descrizione la indica come un prodotto con Pera Cocomerina, ed effettivamente le note olfattive ricordano molte diverse fragranze alla pera che ho avuto modo di usare per profumare creme e prodotti vari autoprodotti, ma decisamente più fresco.
Si tratta di un profumo delicatamente dolce, senza risultare stucchevole, che ho subito adorato: rimane sulle pelle in maniera non troppo persistente, rendendo comunque l'applicazione super piacevole. Il dispenser in particolare rilascia piccole quantità di prodotto per volta, limitando quindi lo spreco del prodotto, che tuttavia ho faticato inizialmente a dosare correttamente. Mi sono resa conto dopo qualche tempo di usare troppo prodotto, rendendo quindi difficoltosa la stesura della base successivamente, soprattutto se attendevo troppo poco tempo tra la stesura di questo prodotto e del correttore e/o fondotinta. Col tempo ho poi capito come muoversi: prelevo poco prodotto per volta, lavorando in piccole zone sulla pelle pulita: divido il viso in tre sezione (guancia sinistra, guancia destra, fronte, coprendo ovviamente anche il naso e il mento), massaggiando delicatamente la crema senza però farla assorbire completamente: preferisco infatti lasciare un leggerissimo strato di crema da far assorbire senza massaggio, dal momento che la pelle del mio viso è tendenzialmente secca, e dunque trae beneficio da questo passaggio. 


Successivamente l'applicazione del trucco risultava infatti molto piacevole per quel che riguarda la base, che proprio per la mia pelle secca trovavo spesso fastidiosa che antiestetica nel risultato finale. Non ho notato particolari miglioramenti in termini di potere potere opacizzanti, dal momento che normalmente non ho il problema di eccessiva produzione di sebo, mentre in termini di durata avverto la differenza sulla pelle in quanto il prodotto aderendo più facilmente tende a risultare meno antiestetico a distanza di diverso tempo dall'applicazione. nel mio caso notano questo soprattutto per quel che riguarda il fondotinta, che mi creava segni intorno al naso e nella piega accennato del mento, e che con un leggero strato di questa crema non si accumula più facilmente come prima.
La durata di questo prodotto è ottima anche intesa come dose: basta infatti davvero poco prodotto (almeno per la mia personale preferenza), per ottenere risultati soddisfacenti.

Vi lascio l'inci del prodotto direttamente dalla confezione dello stesso.



Ho trovato quindi entrambi i prodotti di questa marca davvero validi, pur nella loro diversità di genere, e ringrazio di cuore Paola di Giambattista, che ho avuto modo di conoscere a Sana dopo una prima chiacchierata via mail, in cui ho potuto apprezzare anche la grande professionalità del gruppo VegUp, che vi invito a seguire anche nelle loro uscite: proprio in questi giorni stanno ampliando la linea make up con bellissimi eyeliner dai colori davvero spettacolari, da cui senza dubbio mi farò tentare!

Ricordo inoltre che la recensione è frutto di una mia personale esperienza con i prodotti, ovviamente soggettiva, ma che sarò felice di ampliare qualora voi abbiate altre curiosità o dubbi in merito.

Un saluto a tutte!


                       Lalla


lunedì 21 novembre 2016

Novità Purobio Cosmetics: prodotti labbra.

Ciao a tutte ragazze, oggi vi voglio parlare delle novità PuroBio Cosmetics, che ho ricevuto in due tempi diversi, entrambi a sorpresa, e per cui non posso non condividere con voi tutto l'amore che ho per questo brand.

Le nuove proposte di questo Brand si compongono di diversi prodotti, motivo per cui dividerò il post in due diversi articoli per praticità e per dare a ciascuna sezione la giusta attenzione.



I primi prodotti di cui vi parlo in questo post sono i prodotti per labbra, che ho ricevuto per primi, in una fantastica borsetta di cartone rigido, logata PuroBio, che conteneva i rossetti e le matite, realizzata dall'azienda Corvasce Design per PuroBio, con bellissime sfumature autunnali.
I rossetti sono contenuti in eleganti stick neri con impresso il marchio dell'azienda; si tratta di confezioni da 3,5 grammi di prodotto con chiusura a scatto, con PAO (period after opening) di 12 mesi.



Sono contenuti in un cartoncino esterno di colore rosa confetto sul quale è riportato modalità d'uso, inci, avvertenze.



Sono caratterizzati da un finish semi matt, che li rendono resistenti sulle labbra senza comunque seccarle, in quanto risultano molto confortevoli e di facile stesura. Solamente un colore ha finish sheer, e anche in questo caso la piacevolezza sulle labbra è garantita, che si aggiunge all' effetto luminoso ma comunque discreto che conferisce il colore.
Sono prodotti certificati biologici, made in Italy, Nickel Tested, e alcuni colori, Vegan Ok.

Le matite riprendono l'idea di ogni matita di Puro Bio: un prodotto versatile, utilizzabile sia sugli occhi che sulle labbra, caratterizzate da una scrivenza ottima e da una durata che varia da colore a colore, ma che comunque permette un effetto gradevole e curato anche a distanza di diverso tempo dall'applicazione.



I colori si fondono perfettamente con quello dei rossetti, disegnando quindi un contorno labbra definito e curato, che renderà anche più facile l'applicazione del rossetto successivamente.

 


Le mine morbide permettono un'applicazione comoda, ma duratura, sulle labbra, senza particolari bisogno di ritocchi dopo breve tempo. Si temperano inoltre molto facilmente.




Ma passo subito a descrivervi i colori di questi prodotti, che ho provato in questi giorni e che ho trovato veramente, spettacolari, anche se estremamente diversi tra loro, dettaglio che rende questa linea di prodotti per le labbra ancora più versatili e ancora a tutte le esigenze e preferenze.


I colori:




Numero 01 - Pesca Chiaro. Da abbinare alla matita n. 35 .
Il colore di questo rossetto e matita è paragonabile ad un nude caldo, che rimane leggermente lucido sulle labbra.
Si tratta, a mio parere, di uno dei colori più confortevoli, anche se tutti i rossetti sono caratterizzati da ingredienti che conferiscono al prodotto una buona scorrevolezza sulle labbra.
Ho utilizzato questo colore come un vero e proprio nude: sulle mie labbra piuttosto chiare si nota infatti l'utilizzo di un colore delicato, che la matita abbinata rende comunque ben delineato sulle labbra, contornandole con una riga che si fonde perfettamente con il colore dello stick, con un effetto che trovo stia benissimo anche in un make up pià scuro, incentrato sugli occhi, dove quindi è possibile lasciare le labbra anche più naturali, ma comunque curate. Questo rossetto è Vegan Ok.
La durata del prodotto, rispetto agli altri colori, è nella media: il colore naturale rende comunque meno evidenti le parti sbiadite e piccole sbavature che si possono creare, soprattutto dopo qualche tempo, magari dopo aver mangiato.




Numero 02 - Sabbia Rosata. Da abbinare alla matita n. 08 .
Il rossetto in questione è l'unico sheer tra questi colori: il colore delicato, tendente  al rosato, dona alle labbra un tocco di colore che si discosta dal numero 01 come tono,ma mantenendo la stessa delicatezza con una tonalità fredda. Trovo che questo rossetto sia certamente meno matte degli altri, ma mantenendo comunque un'opacità tale da non renderlo troppo brillante. Inizialmente mi sono un po' preoccupata osservando questo prodotto dallo stick: le tonalità rosate non sono tra quelle che preferisco, e che nemmeno più mi donato. In realtà questo è forse uno dei pochi nude rosati che trovo mi stia bene, senza rendere ancora più pallido il mio viso che spesso con questi colori diventa ancora più spento. Questo rossetto, insieme al numero 01, ha la certificazione Vegan Ok.
La durata non è eccessiva, anche per via del finish, ma si tratta di un prodotto dal colore così delicato che può essere facilmente ritoccato anche più volte, senza particolari attenzioni, come invece spesso è necessario con rossetti più scuri, specialmente se matt.




Numero 03 - Fenicottero. Da abbinare alla matita n. 37.
Questo rossetto è uno dei più belli, a mio parere, proposti in queste nuove uscite: un rosa freddo, acceso, vibrante, che si armonizza perfettamente con la matita abbinata, necessaria per una corretta applicazione dello stesso.  Non trovo sia una tonalità particolarmente autunnale, ma comunque bellissima sulle labbra, e decisamente durevole come colore. Purtroppo non è tra i colori che mi stanno meglio: con evidenti riflessi rossi tra i capelli trovo che le tonalità rosate stiano piuttosto male, ma non ho potuto fare a meno di utilizzare comunque questo colore, che trovo bellissimo e davvero pieno.




Numero 04 - Fragola . Da abbinare alla matita n. 38 .
Un colore che definirei fragola, freddo, che per la mia personalità porto sia di sera che di giorno, abbinato specialmente a trucchi occhi più soft, per concentrare l'attenzione sulle labbra, che con questo colore sono veramente protagoniste. Non mi ha seccato particolarmente le labbra come invece ho letto in diversi siti, anche se certamente non è tra i più cremosi di questi colori, ma questo permette anche una buona durata dl rossetto una volta applicato, specialmente se prima si applica la matita per contornare le labbra. Tende a consumarsi, almeno nel mio caso, principalmente al centro dove le labbra si toccano, motivo per cui preferisco prima usare la matita come base per il rossetto su tutte le labbra. In questo modo non si eviterà che questo sbiadisca, ma lo farà in modo più omogeneo.




Numero 05 - Ciliegia. Da abbinare alla matita n. 39 .
Uno splendido colore, forse tra i più belli non solo di PuroBio, ma anche tra quelli che io abbia mai provato. Si tratta  di un colore pieno, completamente matt, che persiste sulle labbra con un colore veramente spettacolare, che va applicato con grande attenzione per limitare il rischio sbavature, e che rende le labbra vere protagoniste: abbino questo rossetto anche solo ad una semplice riga di eyeliner. La durata di questo colore è di diverse ore e col passare del tempo sbiadisce specialmente nella zona interna alle labbra, mantenendo il contorno labbra quasi perfetto. Proprio per questo motivo è necessario riapplicare il colore soprattutto nella zona interna, ma dopo un tempo abbastanza lungo da farlo considerare comunque un rossetto con una buona durata. E' uno dei colori che più mi secca le labbra.




Numero 06 - Arancio Bruciato. Da abbinare alla matita n. 09 .
Un colore mattone caldo, non troppo acceso, che si può abbinare a look più sobri così come a colori e stili ricercati. Definirei la durata di questo prodotto non particolarmente lunga, ma con la caratteristica di sbiadire in maniera piuttosto omogenea dalle labbra, cosa che lascia comunque abbastanza autonomia prima di doverlo ritoccare: l'effetto, dopo diverse ora, non è quello di un rossetto che andrebbe ritoccato, bensì quello di un  colore meno acceso, che può piacere o meno, ma che comunque non appare come trascurato. E' uno tra i colori che mi è piaciuto meno: oltre a non donarmi particolarmente non mi piace troppo nemmeno se semplicemente swatchato o osservato dallo stick (ma sono certa invece che alcune i voi lo avranno molto apprezzato).




Numero 07 - Rosso Cremisi. Da abbinare alla matita n. 40 .
Non avevo mai provato un rosso simile, che sulle mie labbra si presenta come un colore abbastanza acceso, in contrapposizione a molte foto che ho visto in giro, in cui sembra essere un colore molto diverso. Sulle mie labbra il colore è pieno,completamente matt e durevole, ma meno chiaro rispetto ad altre applicazioni  viste. Questo lo rende sicuramente più portabile per me, ma forse un colore più comune, osservando le mie labbra. Molto più particolare è invece l'effetto su altre persone, sulla quale si presenta quasi come un color corallo vibrante, ugualmente duraturo sulle labbra: dopo diverse ore il colore è rimasto intatto e pressochè invariato, anche senza l'utilizzo della matita abbinata.



Numero 08 - Rosso Porpora. Da abbinare alla matita n. 41 .
Il numero 08 di Purobio Cosmetics trovo sia un colore non particolarmente "originale" ma comunque sempre attuale e perfetto sia di sera che di giorno, se piacciono i colori scuri.
E' una tonalità tra il marrone e il rosso, molto autunnale, perfetto con la matita abbinata, che sebbene non sia dello stesso identico colore si fonde comunque bene sulle labbra, soprattutto se applicata sui bordi e sfumata leggermente verso l'interno. La durata è piuttosto lunga, e non mi secca particolarmente le labbra.



Questi erano gli otto colori presentati in queste nuove uscite, che ho trovato davvero spettacolari e che sono piaciuti molto sul web.

L'inci dei prodotti PuroBio è come sempre ottimo: troviamo ingredienti utili alla pelle come l'olio di ricino e la cera candelilla, e altri ingredienti che rendono questi rossetti non solo davvero validi e performanti, ma anche dei cosmetici con ottimi ingredienti che coccolano la pelle durante l'uso. Nelle foto che ho inserito trovate anche l'inci dei vari rossetti (sul web nel sito ufficiale dell'azienda è presente anche quello delle matite).

Il costo dei rossetti PuroBio è di euro 11,90, reperibili anche in sconto su diversi siti che rivendono il marchio.

Come sempre, vi ricordo che le informazioni riportate sono frutto della mia personale esperienza con i prodotti, dunque soggettiva: qualora comunque necessitiate di altre indicazioni in merito rimango a disposizione per altre informazioni!

Ringrazio come ultima cosa la grande famiglia Purobio Cosmetics, che riesce sempre a sorprendermi sia per le splendide iniziative sia per i prodotti che propone: vi auguro di mantenere sempre alto il nome di questa azienda, già molto amata, e che trovo possa solo migliorare!

Un bacio, un saluto a tutte voi. e alla prossima, con la seconda parte dei prodotti PuroBio che ho ricevuto!


                                                                                Lalla



venerdì 21 ottobre 2016

#TestaConNoi2016: Rossetto Chamarel Piteraq

Ciao a tutte ragazze, oggi vi voglio parlare di un prodotto che ho ricevuto dal sito Il Giardino di Arianna a seguito dell'iniziativa Testa Con Noi 2016. Si tratta del rossetto Chamarel n. 81 della marca Piteraq, in vendita sul loro sito e che personalmente ancora non conoscevo.
Trovate QUA il link alla scheda nel loro sito.


Il make up di questa azienda é naturale, completamente vegan, made in Italy e confezionato con packaging ecocompatibili. Nello specifico il rossetto che ho ricevuto viene descritto come di un colore Rosso Vinaccia, con sottotono blu, e la texture viene presentata come molto vellutata e setosa, con una buona scorrevolezza sulle labbra anche per i colori più scuri, che spesso tendono ad essere di più difficile stesura. Il finish è Matt e questo dettaglio mi ha fatto pensare che questo rossetto potesse essere perfettamente adatto alle mie esigenze, essendo proprio il finish che preferisco in questo caso. Contiene olio di albicocca, vitamina A ed E e burro di karité, che leniscono e mantengono morbide le labbra. Il packaging è quello classico di un rossetto in dose da 3 grammi è il prezzo è di €11,90.




Ma veniamo alla mia opinione personale del prodotto. Come prima cosa non posso non ricordare la straordinaria cura che il giardino di Arianna riserva ad ogni singolo pacco, nella quale ho trovato anche un omaggio con tre piccoli pezzi di sapone dell'azienda La Saponaria, che apprezzo molto proprio per i saponi.



 Il prodotto mi è risultato leggermente differente dallo stick rispetto al colore riportato sul sito al punto da verificare che il numero del rossetto ricevuto fosse esattamente la stessa tonalità presentata nell'articolo del testa con noi. Una volta appurato che si trattava esattamente dello stesso rossetto ho provato subito il prodotto. Incomincio con il dire che purtroppo soffro di secchezza alle labbra, motivo per cui utilizzo spessissimo burrocacao e frequentemente esfolianti per rimuovere le pellicine in eccesso. Come tutte le volte, specialmente quando devo poi applicare rossetti matt, effettuo prima un passaggio di burrocacao, che faccio puoi assorbire per qualche minuto tamponando l'eccesso di prodotto prima di applicare il rossetto. Ho applicato per la prima volta il rossetto direttamente dallo stick è l'applicazione si è rivelata piuttosto comoda senza alcuna problematica anche per via della forma e della punta del rossetto piuttosto pronunciate che rende abbastanza semplice l'applicazione nell'arco di Cupido.


Come prima prova ho scelto di non utilizzare una matita per contornare le labbra né di applicare il rossetto con il pennellino proprio per capire come questo si comportasse senza alcun prodotto o applicazione che rendesse più precisa l'operazione stessa. Devo dire che il rossetto sulle labbra si rivela veramente bello, dal colore pieno e che se steso con cura non provoca accumuli di prodotti nelle zone con qualche pieghetta.
Ho poi in un secondo momento provato il prodotto anche con una matita per contornare le labbra e con un pennellino di precisione. Come sempre mi accade trovo più facile l'applicazione con il pennellino, soprattutto nel contorno labbra, ma si tratta di un prodotto comunque molto scrivente che può essere comodo da applicare e da ritoccare anche senza. La durata si è rivelata piuttosto buona. Con questo rossetto ho mangiato, bevuto, parlato, lasciando ovviamente tracce di rossetto un po' ovunque ma non per questo rimanendo senza prodotto sulle labbra. Era infatti comunque visibile il colore, dove risultava leggermente più sbiadito solamente al centro delle labbra, mantenendo comunque un buon colore sul contorno anche dopo diverse ore. A livello di sensazioni non mi ha creato alcun fastidio: nemmeno dopo diverso tempo ho notato secchezza, anche se ho notato che dopo diverso tempo questo tendeva ad accumularsi nelle pieghe delle labbra, ma semplicemente sfregandole la situazione si risolveva facilmente.


Una cosa che non ho particolarmente gradito è stato l'odore, anche se fortunatamente non si avverte molto e dopo poco tempo di applicazione questo svanisce (o forse il naso si abitua). Inizialmente ho scelto di abbinare questo rossetto dal colore sicuramente particolare è scuro ad un make up più naturale, incentrato appunto sulla bocca, mantenendo gli occhi piuttosto naturali e scegliendo di dare definizione solamente con un eyeliner, ma provando diverse combinazioni mi sono resa conto di apprezzarlo di più con un trucco occhi un po' più marcato, che incontra molto di più anche quelle che sono le mie abitudini in fatto di make up.
La mia esperienza con questo prodotto é quindi decisamente positiva, anche se sicuramente va steso con più attenzione rispetto ad altri colori e per alcune forse è un colore difficilmente portabile, ma nel mio caso si è rivelato veramente un colore azzeccato.
Non ho provato altri colori di questa marca, ma questo nello specifico non posso non consigliarvelo!

Inserisco di seguito l'inci del prodotto (cliccate sull'immagine per ingrandirla):





Ringrazio quindi sinceramente Il Giardino di Arianna per avermi dato modo di provare questa marca, e vi ricordo che comunque la mia recensione è frutto di prova personale ed imparziale, e che non lavoro per questa azienda.

Attendo le vostre impressioni in merito, anche sugli altri prodotti di questa marca!



                                           Lalla




lunedì 19 settembre 2016

Collaborazione Apeironature... Con sorpresa !

Ciao a tutte ragazze (e ragazzi),
oggi vi voglio parlare di un'azienda che ho avuto modo di conoscere dagli albori, da quando mi è stata raccontata prima ancora di nascere: sto parlando di Apeironature, uno store online che propone profumi, prodotti naturali, make up, un piccolo assortimento di materie prime, accessori e prodotti per la cura della casa e dei nostri amici animali. Trovate QUA il link al sito. Attraverso la sezione About Us è possibile vedere i volti di coloro che stanno dietro questo store, dettaglio che trovo molto carino e che svela due persone gentili e disponibili con cui ho avuto modo di conversare via mail, e che vi consiglio di contattare per qualsiasi dubbio o informazione voi abbiate riguardo al sito o ai prodotti proposti.
La grafica colorata ma chiara rende piacevole la navigazione in questo sito, che trovo abbia tutte le informazioni utili disposte in sezioni ben chiare e di facile accesso, nella quale è possibile leggere che la spedizione avviene normalmente dopo 1/2 giorni, mentre dopo 24/48 ore il corriere consegna il pacco all'indirizzo indicato. Le spese di spedizione sono differenti in base al peso del pacco, e vengono rese note al momento del carrello: trovo che questo metodo sia un po' scomodo per coloro che devono acquistare grandi quantità (inteso come peso totale) di prodotti, mentre possa essere abbastanza valido per piccoli ordini, le cui spese di spedizione più basse ammontano ad euro 3,99.
Le modalità di pagamento accettate sono Paypal, carta di credito, bonifico bancario o ritiro della merce in sede, che si trova a Grone, in provincia di Bergamo.
Sul sito inoltre è anche presente una piccola sezione Blog nella quale Michela posta piccole ricette o articoli informativi di varia natura, riguardanti il benessere della persona.

Ma non perdo altro tempo e vi mostro subito quanto ricevuto: un bellissimo pacco a sorpresa creato su misura per me, sulla base di qualche indicazione fornita riguardo alle mie esigenze e preferenze!


Il pacco è arrivato perfettamente confezionato ed imballato, in una scatola di cartone, con idonee protezioni per garantire un viaggio sicuri ai prodotti (di materiali anche fragili), e un dolcissimo bigliettino scritto dai titolari del sito, che ringrazio anche per la cura nella spedizione, che ho potuto poi monitorare attraverso il codice mandato!



Il primo prodotto di cui vi parlo è il Latte Detergente alla viola di Remedia, azienda che ho avuto modo di conoscere in occasione di Sana attraverso le parole di Lucilla Satanassi, anima di Remedia, e che mette in ogni prodotto una straordinaria cura e attenzione per i dettagli, passione che si percepisce anche usando i prodotti stessi. Il prodotto in questione è contenuto in un flacone in plastica da 125 ml, che prima di utilizzare il prodotto (e a dire la verità anche durante) ho percepito come piuttosto dura al tatto, e per un attimo un temuto che questo dettaglio potesse rendere poco confortevole l'utilizzo del prodotto stesso. In realtà il prodotto è abbastanza fluido ed esce facilmente dalla confezione, che perde parte della rigidità del materiale con l'uso, rendendo di fatto più semplice prelevare il prodotto alla fine. Come mio solito lavo sempre il viso prima dell'utilizzo di detergenti, così da dover utilizzare meno prodotto e su pelle bagnata, che rende il più delle volte il massaggio maggiormente confortevole. La prima cosa che ho notato è stata la profumazione del prodotto. 
Non so bene indicare se questa è effettivamente la profumazione della viola, non avendo mai usato prodotti con note olfattive simili, ma di certo trovo che questa sia davvero gradevolissima. 
Non amo in realtà i profumi troppo floreali, ma in questo caso si tratta di un prodotto che trovo  piacevole, piuttosto persistente e dalla profumazione abbastanza forte.
Anche l'utilizzo e la consistenza trovo siano davvero ottimi, sebbene qualcuno lo ritenga troppo corposo e un pò pesante sulla pelle. Si tratta ovviamente di un prodotto che contiene oli, ma a parere mio perfettamente bilanciati nella formulazione, che risulta delicata e perfetta per una tipologia di pelle sensibile e tendente alla secchezza, almeno come è stato nel mio caso.
Molto valida anche la sua funzione primaria: rimuove delicatamente gli ultimi residui di trucco, detergendo delicatamente la pelle e lasciandola piacevolmente morbida. Un prodotto che certamente acquisterei più volte, se solo avesse una confezione più grande, o un prezzo più basso con questo dosaggio. Senza voler svalutare il prodotto, che trovo sia ottimo, i prodotti a risciacquo sono quelli per la quale prediligo una spesa più contenuta, anche in vista del grande uso che faccio dei detergenti.



Il latte detergente alla viola Remedia ha un costo di euro 15,00, ed è possibile consultare in QUESTO link l'elenco degli ingredienti.

Conoscevo invece davvero poco la marca Khadi prima di provare questo Olio Viso e Corpo alla Viola. Non di rado leggo infatti recensioni e discussioni su questa marca, molto conosciuta proprio per gli oli, ma non avevo mai avuto l'occasione di testarne uno. L'olio alla viola è contenuto in un elegante contenitore in vetro da 100 ml, con dosatore che rilascia una piccola quantità per volta, permettendo quindi un uso comodo e senza sprechi dello stesso. Come indicato sul prodotto quest'olio può essere utilizzato sia sul corpo, come olio da massaggio sulla pelle umida, o sul viso pulito e umido, in abbinamento con un prodotto con funzione di tonico. Personalmente ho preferito limitare l'utilizzo di questo prodotto solamente sul corpo, essendo il mio viso poco incline all'utilizzo di olio, e a distanza di tempo posso dire che si è trattato comunque di un utilizzo veramente valido e soddisfacente. La profumazione di questo prodotto ha note olfattive che si avvicinano molto a profumazioni legnose, piuttosto particolari, che appena prelevato non ho trovato troppo piacevoli, mentre dopo averlo applicato sulla pelle e averlo massaggiato risulta invece molto più leggero e persistente. Risulta essere un olio molto confortevole da massaggiare ma non di facile assorbimento. Non che mi aspettassi un assorbimento immediato da un olio, ma ho provato prodotti simili senza dubbio più rapidi, mentre in questo caso ho dovuto massaggiare per molto più tempo la pelle.
Dopo qualche applicazione ho capito come fare per ottimizzare i tempi: utilizzo pochissimo olio il primo momento, massaggiandolo per uno o due minuti, e successivamente una dose più generosa: in questo modo ho l'impressione che l'assorbimento sia più rapido, agevolato anche dal fatto che uso questo genere di prodotti solitamente dopo la doccia a pelle calda e umida. Ho molto apprezzato quest'olio per le sue proprietà elasticizzanti e nutrienti: la mia pelle è infatti risultata subito morbida al tatto e profumata, ed è stato per me un valido alleato nel periodo precedente l'estate, durante la quale ho massaggiato con cura le zone esposte come gambe e braccia, al fine di arrivare al periodo estivo con una pelle migliore. Si tratta di un prodotto certificato BDIH, venduto anche in minidose da 10 ml, formato che trovo molto comodo per chi volesse testare l'odore e la percezione sulla pelle.


L'olio alla viola Khadi ha un costo di euro 10,00, l'inci del prodotto è consultabile in QUESTO link.

Il seguente prodotto che vi mostro è la Crema Mani Rinforzo Unghie Helix Extra prodotta da Amici per la Pelle. Si tratta di una crema contenuta in un flacone di plastica in dose da 50 ml.
Prima di parlarvi della mia esperienza in merito è necessaria una doverosa premessa.
Uso frequentemente creme mani, tanto da averne sempre un flacone nella borsa. 
Questo avviene sia per necessità, avendo spesso problemi di secchezza sulle nocche, sia per sfizio, dal momento che diversi anni fa riuscii a sostituire l'odioso vizio di mangiarmi le unghie mettendomi una crema mani ogni qualvolta ne sentissi lo stimolo, e attualmente pur non mangiandomi più le unghie mi è rimasta l'abitudine. Per questo motivo necessito di una crema a rapido assorbimento e confortevole sulla pelle, sia come consistenza che come profumazione,
Indico questo affinchè si possa capire il motivo per cui ho faticato moltissimo ad utilizzare questa crema. Come prima cosa mi ha sorpreso il fatto che nonostante io la prelevi sempre in piccole dosi la crema appare alla vista come un'emulsione bianca come tante altre creme in commercio, mentre toccandola e cominciandola a massaggiare si rileva molto liquida, di una consistenza che ricorda quella di un gel piuttosto fluido, e appiccicoso. Il tempo di assorbimento è nella media, non particolarmente breve ma nemmeno eccessivamente lungo, ma la sensazione che lascia successivamente è tipica dei prodotti con alte percentuali di glicerina, così come si riscontra dall'inci, nella quale è evidente anche abbondante quantità di gel di aloe, probabile causa della consistenza vagamente gelatinosa e piuttosto liquida. Anche dopo diverso tempo dall'applicazione la crema si avverte infatti sulla pelle con una consistenza piuttosto appiccicosa che trovo (purtroppo) sgradevole, e se si bagnano le mani anche dopo che questa è stata assorbita riemerge come uno strato di crema che riporta in superficie la sensazione che si prova all'inizio massaggiandola la prima volta.
La profumazione ricorda molto quella della glicerina e pur non essendo troppo pesante non mi risulta particolarmente gradevole. Una crema che quindi, per le mie personali esigenze, non è assolutamente adatta, anche se effettivamente lascia le mani piuttosto morbide (non ho invece riscontrato particolari benefici sulle unghie). La sto comunque utilizzando per i piedi, di notte, anche se per essere sincera si tratta di un uso che, come si sarà capito, è puntato più al finire il prodotto che ad un reale amore per lo stesso, ma dal momento che preferisco sempre utilizzare i prodotti per limitare gli sprechi scelgo spesso questa via per finirli. Per completezza, e qualcosa qualcuno dovesse avere i miei stessi problemi con questa crema, indico che sui piedi non ho assolutamente alcun problema: utilizzandola di notte e non essendo i piedi coinvolti nelle azioni quotidiane come le mani si rivela essere un uso piuttosto valido.


La Crema Mani Rinforzo Unghie Helix Extra ha un costo di euro 14,00.
L'inci è consultabile in QUESTO link

Il prossimo prodotto di cui vi parlo è state da me ampiamente usato anni fa, poi abbandonato più per provare qualcosa di nuovo più che per problemi con lo stesso.
Sto parlando del sapone di Aleppo, della marca Sarjilla. Si tratta di una saponetta da 200 gr, composta da 80% di olio di oliva e 20% di olio di alloro, ingrediente che viene utilizzato dalla stessa azienda anche per la produzione di sapone in percentuali più alte, in particolare al 55%, 40% e 35%.
Quella che ho ricevuto è senza dubbio la più indicata per me, in quanto quando utilizzavo prodotti a percentuali più alte mi trovavo spesso la pelle estremamente secca. Non a caso questa percentuale è particolarmente indicata per coloro che soffrono di pelle facilmente irritabile, piuttosto sensibile, e sebbene sia un sapone meno aggressivo sulla pelle di altri in generale, risulta essere senza dubbio più delicato se la percentuale di olio di alloro non è altissima. Ho utilizzato questo prodotto come sapone per la rasatura, apprezzando particolarmente la sensazione che lascia sulla pelle: si avverte infatti l'alta percentuale di oli vegetali presenti, che non viene rimossa immediatamente con l'acqua, creando uno strato molto piacevole da utilizzare per mantenere morbida la pelle, evitando così il fastidio dell'attrito del rasoio, con il rischio di tagli e sfregamenti vari e che mi crea molto disagio soprattutto nella zona delle ascelle. Anche per l'igiene del corpo si è rivelato essere un prodotto molto delicato e valido: crea pochissima schiuma ma grazie alla sensazione molto piacevole sulla pelle rende il momento della detersione rapido ed efficace. Non mi ha creato alcun problema sulla cute, ho anzi apprezzato molto l'utilizzo di questo prodotto che mi ha permesso di utilizzare un detergente delicato durante le frequenti docce estive, durante la quale solitamente non utilizzo sempre prodotti.
Si tratta di un prodotto adatto anche alla pelle del bimbi, che può essere usato anche per i capelli e come una sorta di maschera viso, bagnando la pelle e massaggiando il sapone che andrà poi risciacquato, ma sono utilizzi che ho preferito non sperimentare, trovandomi molto bene sul corpo e avendo la pelle del viso e i capelli che reagiscono spesso male alle novità, specie se queste prevedono oli vegetali. Come unica nota che non mi fa impazzire, e che ad alcuni potrebbe disturbare, e la profumazione senza dubbio particolare, ben diverso dalle solite saponette profumate a cui spesso siamo abituati. Molte persone avvertono l'odore del sapone di Aleppo come sgradevole, mentre altri non ne sentono particolarmente le note olfattive: personalmente avverto l'odore, che non mi fa impazzire, ma che non mi disturba particolarmente, essendo oltretutto poco persistente sulla mia pelle; per i fedelissimi della pelle profumata preciso comunque che solitamente non altera a tal punto l'odore della pelle da variare la profumazione di lozioni corpo o altri prodotti utilizzati in seguito (anche se, come sempre, si tratta di un aspetto molto soggettivo).


Il sapone di Aleppo Sarjilla ha un costo di euro 6,50; l'inci è visibile in QUESTO link.

Altro graditissimo prodotto che ho avuto modo di provare è stato il profumo Alba di Maggio, di Remedia. Si tratta di un profumo appunto, contenuto in contenitore spray in vetro scuro, da 30 ml. Non avevo mai provato Remedia sotto al punto di vista dei profumi, e leggendo la descrizione degli altri credo che Apeironature mi abbia inviato quello che realmente sarebbe stato più di mio gradimento tra tutti quelli proposti. Le note principali di questo profumo sono infatti date dagli agrumi e da profumazioni speziate e legnose come il coriandolo.
Il mix di queste note olfattive sono, a mio parere e per le mie personali preferenze, esplosive: un profumo fresco ma portabile in tutte le occasioni e stagioni, che ho preferito usare sugli abiti più che sulla pelle, rimanendo più persistente. Utilizzandolo sulla pelle ho notato infatti che non cambia profumazione con il tempo come spesso accade, ma devo segnalare che non dura per troppo tempo.
Sugli abiti invece la durata è decisamente maggiore, ed è possibile avvertire anche dopo ore la delicata piacevolezza di questo prodotto, che personalmente ho utilizzato sia di giorno che di sera.


Il costo del profumo Alba di Maggio è di euro 18,00, QUA è possibile leggere l'inci del prodotto.

Ma comincio ora a parlarvi dei prodotti di make up ricevuti, e inizio da un rossetto della Jardè, nella tonalità Exotic. Da subito, non appena ho verificato il colore dallo stick, ho potuto constatare che si tratta di un colore davvero poco esotico, come invece richiama il nome: un colore caldo che vira dal marrone al bronzo, dal finish perlescente, quasi metallico. Da subito ho notato che purtroppo si tratta di un colore che si discosta molto non solo dai miei gusti personali, ma anche dai colori che mi donano. Trovo che questo tipo di colore sia molto più portabile se con finish diverso, risultando anche molto più giovanile se proposto in versione matt, senza bagliori.
Ho infatti riscontrato notevoli difficoltà ad utilizzarlo sulle labbra, in quanto stendendolo come un normale rossetto l'effetto non mi piaceva affatto. L'unico modo che per ora pare convincermi sulle labbra è quello di usarlo non come unico prodotto labbra, bensì come colore più scuro per creare sfumature e tridimensionalità alle labbra, che purtroppo sono nel mio caso piuttosto sottili. Si tratta di un uso che solitamente non cerco nei prodotto, limitandomi ad utilizzare i rossetti come colore unico, abbinato alla matita labbra, ma questo sembra essere l'unico utilizzo che riesco a farne.
Ottima invece la stesura, trattandosi di un prodotto piuttosto cremoso ma confortevole da usare, e anche la durata, che anche quando ho provato ad utilizzare il prodotto come unico colore sulle labbra si è rivelata piuttosto lunga anche dopo aver mangiato e bevuto. Peccato dunque per il colore, non adatto a me, ma che mi porta a domandare se avete provato altri colori di questa marca, e come ci siete trovati con questi rossetti.
Il prezzo di questo rossetto Jardè è di euro 23,00 per 3 gr di prodotto.


Della stessa marca, Jardè, ho ricevuto anche del make up minerale: quelli che vi presento per primi sono due prodotti per il viso e per la base.


Il Bronzing Blush è di una tonalità calda ma non troppo scura, che si fonde bene anche con la pelle non troppo abbronzata, a patto che questo venga usato in piccole quantità, senza caricare troppo il pennello, che per prodotti simili scelgo piuttosto paffuto e fitto se desidero una stesura simile ad un blush appunto, o più piccolo e dalle setole più contenute se cerco un effetto più simile al conturing. Personalmente trovo che come blush sia un prodotto portabile sia in inverno che in estate, mentre come conturing lo vedo più indicato per il periodo estivo, essendo comunque molto luminoso e particolarmente gradevole sulla pelle abbronzata, come ho potuto constatare su altre persone.
La luminosità di questo prodotto se applicato e sfumato con cura è infatti notevole: l'effetto shimmer non risulta essere troppo accentuato, tanto che ho utilizzato questo prodotto anche sul decollete e in una crema corpo idratante per illuminare la pelle di sera, creando di fatto una semplicissima crema colorata poco coprente ma adatta per donare un po' di luminosità.
Un buon prodotto che sicuramente utilizzerò più spesso in estate piuttosto che in inverno, ma che comunque trovo che possa trovare impiego anche nelle giornate meno soleggiate, per scaldare un po' l'incarnato. Praticissima inoltre la confezione di plastica con tappo a vite e coperchio interno richiudibile, semplicemente girando la protezione interna in plastica per chiudere i fori dosatori.
Il prezzo di questo prodotto è di euro 20,00 per 6 gr di prodotto, trovate QUA il link alla scheda del prodotto.



Altro prodotto ricevuto, e senza dubbio più usato rispetto a quello proposto prima è il fondotinta Minerale Cashmere, venduto nella stessa confezione di plastica da 7 gr con tappo interno per ridurre o evitare completamente la fuoriuscita di prodotto.
Per mia fortuna ho la pelle del viso piuttosto bella e libera da imperfezioni, che copro facilmente con poco correttore localizzato sulle imperfezioni: proprio per questa mia tipologia di pelle non necessito di prodotti troppo coprenti: i fondotinta minerali si rivelano infatti molto validi sulla mia pelle.
Applico questo prodotto con un pennellone a setole fitte, prelevando il prodotto dal tappo e facendo cadere sempre l'eccesso di prodotto semplicemente sbattendo il pennello prima di usarlo sul viso: in questo modo ho sempre piccole quantità di prodotto da lavorare, e posso stenderlo su piccole porzioni di pelle, sfumandolo bene. Questa tonalità appare perfetta per la mia carnagione, che è piuttosto chiaro e più vicina a prodotti con sottotoni gialli, che devo comunque ben calibrare per non apparire trascurata e davvero troppo gialla in viso. In questo caso trovo che la tonalità sia perfetta per la mia carnagione;  la consistenza e l'effetto che questo fondotinta dona è di una pelle curata e piacevole alla vista, e anche al tatto non si avverte la sensazione di prodotto sulla pelle, cosa che molti prodotti in polvere lasciano. Utilizzo questo prodotto anche abbinandolo alla Bb cream, per renderla più coprente e per fissarla al meglio, limitando il rischio di lucidità eccessiva. In questo modo non ottengo lo stesso effetto di un fondotinta liquido, soprattutto se prima di applicarlo aspetto una decina di minuti dopo l'applicazione della Bb Cream, l'effetto rimane infatti molto naturale sulla mia pelle, senza appesantire il risultato finale. Inoltre se ben steso non si accumula nelle rughe di espressione, essendo comunque molto leggere ancora sul mio viso.
Un prodotto molto valido quindi, che sulla mia pelle si sta rivelando molto piacevole e che continuo ad utilizzare sia da solo che abbinandolo ad altri prodotti come sopra descritto, a seconda delle necessità e situazioni.
Il costo di questo fondotinta è di euro 23,00, ed è possibile trovare QUA altre informazioni utili in merito, compreso l'inci del prodotto.


Gli ultimi due prodotti di cui vi parlo sono due ombretti, entrambi della marca Jardè.


Il primo è il Mineral Eyeshadow nella tonalità Brown Sparkle, contenuto in una jar con tappo a vite da 1 gr. Il colore di questo ombretto è davvero bello: molto luminoso e perlescente.
Ha riflessi che virano dal bronzo al dorato, e trovo possa stare benissimo con la pelle abbronzata. Ovviamente non è questo il mio caso, ma se ben sfumato e abbinato ad altri colori anche sulla pelle chiara ha un effetto veramente bello e particolare. Ho usato questo colore abbinandolo ad un color pesca, usando Brown Sparkle per creare profondità allo sguardo e per donare luminosità, e l'effetto mi è piaciuto molto. Splendido poi se usato con pennello inumidito, per un effetto ancora più marcato e duraturo. La durata di questo prodotto è media, in quanto come tutti i prodotti in polvere tendono ad essere abbastanza volatili se non adeguatamente fissati sulla palpebra, ma il fatto che questo ombretto sia piuttosto scrivente sicuramente contribuisce a limitare il problema, in quanto basta poco prodotto per ottenere una saturazione piuttosto buona di colore.
Un colore che trovo molto bello e che se avessi la pelle leggermente più abbronzata sono certa mi starebbe ancora meglio.
Il prezzo di questo prodotto è di euro 8,00 per 1 grammo di prodotto, trovate QUA il link alla scheda nel sito.


Il secondo e ultimo colore che vi mostro è quello che preferisco tra i due ombretti ricevuti, sia per la tonalità del colore sia per come sta se applicato sul mio viso. Si tratta della tonalità Green Glam, un bellissimo verde bosco leggermente perlescente, di un colore pieno, vibrante, in una polvere leggerissima ancora più scrivente del primo, probabilmente per l'assenza di glitter che, anche se piuttosto discreti, il primo presenta. Ho utilizzato questo prodotto sia sulla palpebra superiore che su quella inferiore, come una matita infracigliare, e in entrambi i casi il risultato è stato molto apprezzato. Il colore è talmente pieno e scrivente che non raramente ho utilizzato questo prodotto anche come eyeliner, semplicemente bagnandolo e creando una riga sottile sulla palpebra superiore, con la classica coda che creo sempre per allungare l'occhio. Trattandosi di polvere leggerissime non è difficile che qualche particella di colore cada dalle palpebra al momento dell'applicazione, motivo per cui preferisco fare la base successivamente al trucco degli occhi, ma con poca accortezza e un cotton fioc si può rimediare a questa pioggia di colore anche successivamente.
Il prezzo di questo prodotto è di euro 8,00 per 1 grammo di prodotto, trovate in QUESTO link la scheda nel sito.

Questi sono i prodotti che ho avuto modo di provare di Apeironature, che ringrazio per la grande gentilezza e per la disponibilità. Matteo e Michela inoltre vogliono fare un regalo a tutti voi che leggere, per permettervi di provare questi prodotti di cui vi ho parlato o altri prodotti presenti sul sito: con il codice apewelcome15 inserito in sede di conclusione dell'ordine otterrete uno sconto del 15% su tutto il carrello, e se l'ordine sarà di importo superiore ai 60,00 euro (escluse se spese di spedizione) verrà inserito nel pacco anche un piccolo omaggio. Il codice sconto non ha limitazioni di prodotti ed è valido da oggi fino alla data del 19/11/2016.

Una bella occasione per scoprire questo store quindi!

Vi ricordo, come sempre, che non lavoro per questa azienda, e che la mia recensione è basata su una prova personale dei prodotti a cui è seguito l'articolo con le mie impressioni assolutamente soggettive e imparziali.

Mando un bacio a tutti voi, con la curiosità di scoprire se farete uso di questo codice sconto, sulla quale mi piacerebbe anche sapere che cosa avete acquistato!


                     Lalla




venerdì 16 settembre 2016

Sana 2016: terza bellissima esperienza!

Ciao a tutte ragazze, in questo articolo vi voglio rendere finalmente partecipi della mia esperienza a Sana 2016, fiera alla quale sono molto legata in quanto ogni anno, per il terzo anno consecutivo, ho l'occasione di imparare tante cose nuove e incontrare persone meravigliose, che condividono la mia stessa passione. Quest'anno poi ho preso parte a questa fiera come Stampa sia per il mio blog che per BeautyBag: una doppia condivisione dunque, che mi permette di parlare maggiormente di questo attesissimo evento!



L'edizione di quest'anno di Sana si è tenuta come sempre a Bologna, nei giorni dal 9 al 12 settembre: la mia presenza in fiera si è però limitata, per esigenze personali, a due sole giornate, ovvero dal sabato mattina alla domenica sera. Questa precisazione mi torna molto utile per rispondere ad una delle più frequenti domande che mi vengono poste in merito a questa fiera, che riguarda il tempo necessario per visitarla. La mia risposta è da sempre "Dipende". Dipende da quali sono i settori di vostro interesse: se l'intenzione è quello di visitare un solo padiglione il tempo necessario sarà ovviamente minore rispetto a quello che occorre nel visitarli tutti. Dipende se prenderete parte a qualche workshop, convegno o presentazione, che anche se durano poco impiegano comunque del tempo (soprattutto se se ne segue più di uno). Dipende quanto approfonditamente desiderate vivere la fiera: vi basta girare per gli espositori, osservando da lontano quello che vedete, o vi piace provare prodotti, scattare foto, parlare con le persone che vi lavorano? Nel secondo caso, ovviamente, il tempo necessario sarà molto maggiore. 


Nel mio caso ho scelto quest'ultima strada, prediligendo il rapporto con le persone e la prova di prodotti, mentre non ho seguito nessuna presentazione o convegno in particolare, sebbene ricordo dall'anno scorso che questi erano spesso molto interessanti. Ma ho voluto in qualche modo recuperare il tempo che nei primi due anni ho dedicato alla mia attività come Blogger Ufficiale dell'evento, per conoscere quelle persone che non ho mai avuto occasione di incontrare, e per godermi a pieno ogni singolo Stand.
Sono in questo modo riuscita a visitare il modo molto approfondito il padiglione dedicato alla Cura del Corpo, in un intero giorno, mentre nel secondo giorno mi sono dedicata a quelli relativi all'Alimentazione e GreenLifeStyle.
Che cambiamenti ho notato quest'anno? Ho riconosciuto la stessa Fiera ricca, colorata e varia degli ultimi anni, mentre ho potuto constatare la presenza di molte nuove aziende, come Le Erbe di Janas e la Saponaria. Tante sono state poi le aziende che sono riuscite a rendere partecipe ogni visitatore, facendoli sentire protagonisti delle scelte delle aziende.
Tra questi Montalto, che ha offerto ai visitatori dei biscotti prodotti con ingredienti semplici, molti dei quali sono in comune con i loro cosmetici, che ha poi fatto provare ai visitatori dello Stand regalando a ciascuno una cialda dei loro rossetti, disponibile in due varianti di colori, che personalmente ho scelto nella versione più fresca e accesa, e Bioè, di Inco Cosmetici, che per la prossima produzione di Shampoo ha domandando ai visitatori quale tra due versioni di profumazioni fosse quella preferita, e ha poi regalato a ciascuno un campione del prodotto in quella profumazione, dosandolo da eleganti ampolle di vetro.

In foto è visibile il macchinario presente allo stand Montalto, utilizzato per preparare le cialde di rossetto che venivano poi offerte ai visitatori.


In questa seconda foto siamo invece allo stand Bioè, e vediamo le ampolle da cui venivano riempiti i campioni di shampoo con la fragranza preferita.



Tantissime come sempre poi le novità presentate a Sana, che vi mostro in una sequenza di foto senza dilungarmi oltre, scusandomi in anticipo per la qualità di alcune foto.


Spugne di Mare Baby, da Cose della Natura;


Scrub Viso di Alkemilla Eco Bio Cosmetic;


Linea Skin Care Veg-Up;



Balsami Capelli di La Saponaria;


Prodotti per Skin Care firmati Essere;


Linea Sebo Lift di Domus Olea Toscana;



I sei golosissimi Fruttalabbra Naturaequa;


I sette Oli delle Meraviglie Physio Natura.



Gli Innovattivi, di Officina Naturae.


Diversi flaconi di Biolù, tutte novità appena uscite.


Le persone che ho avuto modo di incontrare? Tutte fantastica, alcune già conosciute e altre incontrate per la prima volta in fiera, tutte presente estremamente positive e vivaci, con la quale è stato un piacere conversare.


Marina Ferrari, di BioMarina;


Antonella, di Tathia ed Emi, di Cosmetici Eco Bio.


Valentina, del blog Il piccolo mondo di Valentina.

Come si potrà facilmente intuire la mia esperienza, anche quest'anno, è stata decisamente positiva, riconfermando Sana come una fiera alla quale non voglio rinunciare e per la quale mi tengo libera già da mesi prima. Concludo questo articolo con una foto relativa ai prodotti che ho ricevuto in Fiera da parte delle aziende (e qualche acquisto!), per ricordarvi che Sana non è una fiera riservata alle persone del settore. Ci sono certamente titolari di erboristerie, bioprofumerie e figure che visitano Sana per motivi legati alle loro attività lavorativi, ma si tratta di una fiera aperta a tutti, dal prezzo assolutamente accessibile (anche grazie ai tanti sconti che si trovano), e che dunque è interessante da visitare anche perchè le aziende sono solitamente molto disponibili a far provare i prodotti direttamente agli stand, ma anche in campioncini e minisize da portare a casa per un uso più o meno prolungato nel tempo. Coloro che vendono inoltre hanno spesso sconti Fiera vantaggiosi, mentre coloro che non hanno lo Stand abilitato alla vendita lasciano sconti per l'acquisto online anche successivamente alla Fiera.



Ringrazio sinceramente tutti coloro hanno reso più piacevole questa mia terza esperienza a Sana: le ragazze che mi hanno fermato per un saluto e una foto, e le aziende, che per ovvi motivi non posso ringraziare una per una, ma che tutte nel loro piccolo hanno contribuito alla realizzazione di questo bellissimo evento.
Vi lascio inoltre il link QUA per accedere direttamente su Facebook alla mia pagina, precisamente all'album dedicato a Sana, nella quale potete trovare questi e altri scatti di Sana 2016, e tante altre notizie, anche nel tempo, sui prodotti che ho ricevuto e che sto già provando!




Saluto tutte voi e... Alla prossima!

             Lalla