Flower 58

Naturalmente Lalla

Pazienza, Passione, Prudenza. Le tre P da ricordare creando cosmetici al naturale.

giovedì 11 settembre 2014

Oleolito alla carota

Torno sul blog con una serie infinita di richieste e una mole di mail spropositata.
Per la stagione estiva vi propongo un oleolito alla carota, profumato delicatamente e adatto ad essere usato come doposole, grazie alla presenza di betacarotene, già proposto in altri canali e con la quale mi trovo molto bene!
Ci occorre davvero poco!

  • Carote;
  • Olio di girasole;
  • Tocoferolo (facoltativo).

 Laviamo bene le carote e tagliamole finemente a julienne, inserendole quindi in un barattolo. Ricopriamo completamente con olio e, se vogliamo, aggiungiamo qualche goccia di vitamina E, che fa sempre bene alla pelle. Chiudiamo il barattolo con una garza e non con il barattolo, poichè non avendo fatto essiccare le carote, l'acqua dovrà evaporare lentamente. Lasciamo riposare il barattolo in un luogo fresco e asciutto per 25 giorni, al termine di questi filtriamo con l'aiuto di un colino (non dovrebbe essere necessario fare più di un filtraggio, dal momento che le carote saranno tagliate grossolanamente). Versiamo quindi l'oleolito in una o più bottigliette, che saranno possibilmente a vetro scuro per permettere una conservazione migliore.

 Ti è venuta voglia di oleolito?? ;)

Prova l'oleolito alla calendula,  delicatissimo, o alla camomilla.
Quello alla curcuma è ottimo contro i radicali liberi, l'oleolito al limone ha un ottimo profumo agrumato!

                                                                                              Lalla

lunedì 8 settembre 2014

Sana 2014: un'esperienza multisensoriale!

Si è quasi conclusa anche la 26° edizione di Sana, la fiera internazionale del biologico e del naturale, nella quale ho avuto il grande piacere di partecipare come blogger ufficiale per due giornate all'insegna di nuove scoperte. Lunedì 8 e martedì 9 settembre, ultimi due giorni dell'evento, aperto fin dal weekand del 6 e 7, la fiera di Bologna si è tinta di verde con tantissimi appuntamenti distribuiti nei 4 giorni.



Corsi, convegni, stand espositivi e con possibilità di acquisto hanno riempito i tre padiglioni della struttura che, in un'esplosione di profumi, voci e colori, ha accolto visitatori del posto e non.
Cosa mi ha colpito di questa fiera?
La varietà innanzitutto, e la grande cura con la quale ogni singolo espositore è stato curato, che sia questo volutamente semplice o più ricco di ornamenti. Anche l'intera struttura della fiera richiamava spazi verdi ma comunque originali e creativi, e i settori espositivi pienissimi di gente riuscivano comunque a garantire un'ottima organizzazione.



Ma preferisco lasciare spazio alle foto di questa bellissima fiera, che si è rivelato un punto di incontro per persone anche con interessi molto diversi, e bella da visitare anche per chi invece nutre nel mondo naturale una semplice curiosità.


Avena, Soia, Mais... Come resistere?


Piccoli dettagli che fanno la differenza!



Tecnologie vecchie e nuove!




Decorazioni naturalissime!




Tutto questo è Sana!
Tre padiglioni interamente dedicati all'evento.


Assorbenti lavabili, ecologici e delicati!


Quando anche le lampade diventano veri e propri pezzi di arredamento!



Quando le culture si fondono... Campane tibetane e tanto altro!

E anche per noi appassionate di autoproduzione si trovano cose interessanti! Oli essenziali, idrolati, ma anche prodotti finiti validi e naturali.






Come non innamorarsi di certi espositori?




Un'esplosione di colori e profumi diversi!


E anche l'umile sapone... Diventa arte!




Questa bellissima giornata è terminata, ma la mia visita al Sana prosegue anche domani!
Ringrazio tutti gli organizzatori e addetti che hanno reso la mia visita e quella di tutti coloro presenti in fiera più piacevole, in particolare Pamela Notaro, che nel mio caso si è rivelata una guida preziosa e un valido aiuto pratico!
Ricordo quindi a tutti coloro che vengono a sapere di questo evento solo oggi, che domani è l'ultimo giorno di fiera, lascio quindi il SITO ufficiale di Sana con tutte le info utili quali orario, costi, e descrizione dell'evento, e vi aspetto al prossimo articolo, in cui consiglierò anche quale lettura! :)

                                       Lalla


giovedì 4 settembre 2014

Collaborazione GelCapelli - Linea Caap3 e Aygen

Vi parlo oggi di una collaborazione avvenuta con l'azienda Gelcapelli, nata nel 2004 per tentare di risolvere i comuni problemi legati ai capelli che affliggono tante persone. Troviamo più linee, per esigenze diverse, che vi invito a consultare in QUESTO link, in cui troverete anche il link utile per poter procedere con gli acquisti nel caso foste interessati. E' possibile acquistare procedendo con l'ordine online o tramite telefonata, come metodi di pagamento viene accettato il bonifico bancario, le carte di credito e il contrassegno. Il pacco impiega da 24 a 48 ore a compiere il suo viaggio ed essere recapitato e non ci sono spese di spedizione da sostenere. Dopo queste informazioni generali, passo a mostrarvi i prodotti che ho ricevuto.



Il pacchettino è arrivato ben imballato, in una busta delle poste imbottita, il pacco comunque era dotato anche della scatola di cartone presente in foto dunque non si sono verificati rischi di rottura, anche grazie ai contenitori di plastica.


Ma incomincio subito a descrivervi nello specifico i prodotti.


Lo Shampoo Anticaduta Caap3 era diviso in due comodi flaconi scuri da 100 ml, comodi quindi anche per i viaggi, per chi come me ha necessità di quantità maggiori rispetto ai campioncini, che tra l'altro non mi piace maneggiare. Si usa come un normalissimo shampoo, viene consigliato solamente di lasciare in posa il prodotto per qualche minuto prima di sciacquare tutto completamente. Il prodotto a mio parere ha un profumo non troppo forte, per nulla sgradevole (trovo che a volte una profumazione delicata sia migliore rispetto ad una troppo forte e persistente). mentre la quantità di schiuma che produce lo rende un prodotto facilmente distribuibile su tutti i capelli (personalmente non amo i prodotti con poteri schiumogeni troppo forti, e questo rientra nei miei "limiti"). Non ho notato grandissimi miglioramenti sulla forfora, ma c'è da dire che nel mio caso non si tratta di un problema fisso ma piuttosto di un segnale che mi lanciano i miei capelli nel caso in cui sbaglio qualche prodotto che uso, o in rarissimi casi in cui, per un determinato periodo forse dovuto allo stress, mi capita di avere questo problema, comunque molto contenuto.


L'inci di questo prodotto contiene diversi estratti utili al problema che aiuta a combattere, come la pianta del Ginko Biloda, Aloe Vera, e Bardana. Va detto che se cercate prodotti interamente ecobio questo non lo è, ma può risultare un buon compromesso tra tanti shampoo con inci pessimi, che spesso costano una fortuna. Tra l'altro, i prezzi di questi prodotti non sono eccessivamente alti (mi ricordo allo shampoo nello specifico), e il fatto che le spese di spedizione siano gratuite è certamente un punto a favore dell'azienda.

Il secondo prodotto che ho avuto modo di provare è l'Igienizzante Mani in gel Aygen, altra linea dell'azienda GelCapelli. Si tratta di un gel igienizzante per l'appunto, da usare in condizioni di emergenza, fuori casa, e per tutte le occasioni che necessitano di avere mani pulite e profumate senza passare dal bagno.
Ho ricevuto il flaconcino da 50 ml, e diversi campioncini, comodi da portare in giro (anche se le dimensioni ridotte del prodotto stesso consente di tenere sempre in borsa anche il flaconcino più grande).


Comincio col dire che personalmente non uso troppo igienizzanti mani di questo tipo, non per avversione particolare verso questi tipi di prodotto, che anzi a volte reputo molto utili, ma per semplice disabitudine, preferisco aspettare di poter usare acqua e sapone. Mi è capitato raramente tempo fa di girare con una di queste boccette sempre in tasca, lavorando a contatto con i bambini e non potendo sempre lavarmi le mani, e ultimamente, per provare questo prodotto. Premesso che l'inci non è eco bio, potevo anche passare oltre a qualche ingrediente non verde, vista la sporadicità con la quale uso il prodotto, ma c'è stato un particolare che mi ha assolutamente fatto desistere dall'uso, già dal primo utilizzo. L'odore fortissimo di alcool, che in effetti è al primo posto nell'elenco inci, e non viene per nulla camuffato come invece ho sentito in altri prodotti che profumavano di limone. Oltre al fatto che a momenti prendevo in considerazione l'amputazione a causa di una pellicina scoperta che è evidentemente entrata a contatto con tutto quest'alcool, che ha iniziato a bruciare parecchio. Se prima non ero amante del genere igienizzanti, ora lo sono ancora meno, trovo che questo prodotto abbia una quantità veramente esagerata di alcool, che sebbene non mi abbia provato altri problemi, trovo davvero poco indicato.

Ringrazio l'azienda per l'opportunità e ricordo come in ogni caso che non sono pagata da questa azienda come per nessun altra, le mie recensioni sono sempre frutto di pareri personali e non influenzate dall'azienda stessa!

E voi? Avete mai acquistato da questa azienda altri o questi stessi prodotti? Come vi siete trovati?
Come sempre, aspetto le vostre recensioni ;)

                                          Lalla




lunedì 1 settembre 2014

Ancora pochi giorni...

Ancora pochissimi giorni e avrà inizio SANA, il Salone Internazionale del biologico e del naturale, con tantissimi stand, convegni, conferenze, e novità da scoprire!
Io sarò presente in fiera lunedì 8 (ma vi ricordo che l'evento inizia il sabato 6 settembre e terminerà martedì 9), per aggiornarvi in tempo reale di tutto ciò che di interessante potete trovare.
Colgo l'occasione per presentarvi anche le altre blogger, e finalmente, a grande richiesta, anche l'elenco espositori!!


Tra gli espositori di cosmetici, troviamo per esempio Alkemilla, Argital, Amici per la pelle, Lepo, Remedia, tutte ottime marche, ma sono ancora tantissimi quelli che potete trovare in fiera, con prodotti da toccare con mano, annusare ed apprezzare!
Lascio in QUESTO link l'elenco espositori in cui trovate tutte le categorie, con un comodo motore di ricerca per filtrare le categorie di interesse.

Vi aspetto dunque, per una giornata all'insegna del verde! :)

LINK sito ufficiale Sana, in cui potete trovare orari, costi e tante informazioni utili!

                            Lalla



giovedì 21 agosto 2014

Anticipazione SANA 2014: salone internazionale del biologico e del naturale.

Ciao a tutti,
torno a scrivere sul blog per presentarvi una bellissima occasione per entrare nel mondo della natura, nei suoi molteplici aspetti. Sono infatti Blogger della fiera SANA, ovvero la Fiera che da sabato 6 a martedì 9 settembre, a Bologna, ospiterà tantissimi espositori sui cosmetici naturali e alimentazione biologica, oltre che numerosi incontri e convegni interessanti, per darci l'occasione di saperne di più su diversi argomenti, trattati da partner del settore e professionisti. Sarà un'occasione di incontro per tutte coloro che vorranno passare una giornata diversa, tra argomenti differenti, tutti molto interessanti e costruttivi, che comprenderanno anche idee per la casa e suggerimenti per vivere quotidianamente con prodotti a basso impatto ambientale.



Ultimo dettaglio, sarà occasione per tutte coloro che da tempo me lo chiedono, di incontrarci e salutarci di persona, in un contesto assolutamente gradevole e in linea con quello che da sempre cerco di trasmettere attraverso il mio blog. Mi troverete molto probabilmente lunedì 8 settembre, data di cui poi vi darò conferma in futuro, in altri post che riveleranno anche l'elenco degli espositori presenti alla fiera, ancora non pubblicato ma che confido saranno presto disponibili.
Ringrazio SANA per questa bellissima possibilità che mi è stata regalata, vi ricordo che la Fiera si svolgerà a Bologna in Viale della Fiera, 20.
Per info su orari, biglietti o per contattare gli organizzatori della fiera stessa in caso di dubbi, lascio QUA il link ufficiale dell'evento stesso, e vi invito a seguire i miei post per le informazioni che pubblicherò in futuro, e a prendere nota di questo bellissimo evento che vedrà partecipi professionisti e non del settore, consumatori consapevoli o semplici curiosi.
Un saluto a tutto, e aspetto i vostri commenti! ;)


                               Lalla
Per a Fiera, 20

sabato 9 agosto 2014

Collaborazione Optima Naturals

Vi presento oggi una collaborazione avuta con l'azienda Optima Naturals, di cui lascio QUI il link per visitare il sito. Optima Naturals ha una lunga esperienza nel settore fitoterapico, che deriva da una lunga collaborazione con due importanti aziende inglese, il Gruppo William Ransom &Sons plc e la Dr Organic Ltd. Optima Naturals ha sede a Gallarate, in cui ricerca, produce e distribuisce prodotti fitoterapici.
In QUESTO link potete trovare, con una semplice ricerca, i rivenditori Optima Naturals, che si trovano anche online presso diversi siti. Il sito comunque presenta diverse sezioni ben fatte, con tutte le informazioni necessarie per saperne di più su questa azienda, della quale vi presento due prodotti.


Prima di presentarvi i prodotti vi mostro il pacco, una busta imbottita arrivata con corriere Bartolini.


Al suo interno ho trovato i prodotti racchiusi dentro una busta stampata col nome dell'azienda.


Il primo prodotto che ho avuto modo di provare è lo shampoo Dr Organic Royal Jelly.
Come tutti i prodotti Dr Organic, questo shampoo ha una confezione dai colori e dalle forme accattivanti.
Parlando del prodotto in se per se, devo dire che mi aspettavo un risultato migliore. Trovo questo shampoo (che si presenta come un gel chiaro) troppo liquido e quindi difficilmente dosabile sui miei capelli ricci, e ha un potere schiumogeno molto forte, tanto che si trasforma subito in schiuma e rende difficile anche il risciacquo, almeno sui miei capelli. Il risultato finale non è male, i capelli non risultano sporchi o spenti (ma nemmeno incredibilmente belli, trovo sia uno shampoo che dà lo stesso effetto di molti altri), ma per la noia che mi dà l'utilizzo stesso, è un prodotto che personalmente non ricomprerei, dal momento che anche il risultato finale non lo trovo particolarmente degno di nota. Inoltre, si può dire che ho cambiato opinione col tempo, in quanto all'inizio non mi piaceva nemmeno il risultato finale che lasciava.
Ottimo invece il profumo, delicato e non troppo persistente.


L'inci non è ecobio, ed è quello che trovate in questo stamp. Cliccate sull'immagine per ingrandire.



Il secondo prodotto che ho avuto modo di provare è la Skin Lotion Royal Jelly, ovvero una crema idratante che ho gradito molto, lascia la pelle delicatamente profumata e trovo che anche la stesura è molto confortevole, senza un tempo eccessivo di asciugatura. Ho provato questo prodotto anche unito a dell'olio, per un massaggio rilassante, e anche in questo caso approvo!


L'inci è quello che indico, direi abbastanza buono.


Vi ricordo che anche per questa collaborazione non sono stata influenzata dall'azienda per la stesura della recensione, che è come tutte le altre imparziali e non prevede alcun tipo di compenso in denaro.
Sarei curiosa di conoscere le vostre opinioni in merito a questi prodotti, soprattutto allo shampoo, che mi ha lasciato alquanto perplessa, per sapere se anche voi avete avuto le stesse mie impressioni!


                                                Lalla


martedì 5 agosto 2014

Come dispongo le materie prime cosmetiche

Dopo tante domande e richieste sulla mia postazione in cui conservo tutte le materie prime, mai descritta prima in quanto non mi aveva mai soddisfatta, finalmente posso mostrarvi le foto di quel che per ora è il mio modo di conservare i vari prodotti.
Incomincio col dire, per spiegare il mio personale punto di vista e per dare un consiglio a chi ancora non ha trovato la propria sistemazione ideale, che questa non deve essere bella, bensì comoda e funzionale. Cercheremo quindi un luogo se possibile al riparo da fonti di umidità e luce diretta, cui tutti i prodotti facilmente accessibili e possibilmente senza la necessità di ribaltarli, per evitare fuoriuscite di prodotto. Certo, non sempre queste condizioni sono possibili, ma certamente possono essere utili per una sistemazione sicura e comoda. Personalmente ho sistemato tutto il necessario in quattro cassetti.


Si tratta di una cassettiera di plastica rigida, suddivisa in due cassetti più piccoli in alto e due più grandi, con inserto trasparente che permette di controllare a vista quello è contenuto in questi ultimi due spazi.
Le rotelle di cui è dotata risultano poi molto comode per gli spostamenti. Si trovano (questa o simili), in diversi negozi di accessori per la casa, bricolage, cancelleria, in diverse grandezze, colori, stili.


Quella che ho io non è tra le più belle che ci sono in commercio, ma ce l'avevo già a casa dunque ho usato questa senza acquistarne altre. Non ho diviso i prodotti per tipologia (emulsionanti, oli essenziali, cere etc), bensì per contenitore (barattoli, busti, boccette etc), in quanto trovo questa sistemazione molto più funzionale per il mio punto di vista e le mie esigenze di spazio.

Il primo cassetto piccolo in alto contiene tutti i prodotti contenuti in busta.


Cera d'api, cumino, xantana, capolini di fiori, miche travasate in bustina. Queste sono solo alcune tra le cose che conservo in questo cassetto. Nel caso in cui avessi scorte di più prodotti sotto diverse forme di contenitori, come nel caso della xantana, che ho via in bustina che in barattolo, lascio i prodotti nuovi più in fondo, quindi meno in vista, ma è una soluzione più che altro pratica in quanto mi ricordo senza difficoltà che prodotto sto usando, e quindi in che cassetto cercare la confezione aperta.


Tra le polveri conservo anche cartine per ph e bilancina, che talvolta sposto nel cassetto dei contenitori.

Nel secondo cassettino troviamo tutti i barattoli di plastica.


Burri, emulsionanti, i barattoli rovesciati sono invece conservati così per via delle dimensioni che non mi permettono la chiusura del cassetto, essendo comunque le polveri internet contenute in buste che ne impediscono la dispersione. I barattolini piccolini sono miche e filler, di cui ho segnato solamente il colore senza il nome, dividendo le miche dai filler con nomi rispettivamente italiani e inglesi (anche se i contenitori diversi mi aiutano a colpo d'occhio).



Il terzo cassetto è dedicato ai contenitori.
Barattoli, flaconi, confezioni per make up, che non riesco a tenere al loro posto in quanto essendo leggeri si spostano. Ma poco male, essendo vuoti possono anche stare ribaltati senza che succedano disastri.



In questo cassetto conservo anche le etichette da scrivere o decorative, con delle penne, qualche foglio di appunti e, in fondo, il raccoglitore con le ricette, che sfilo al bisogno (motivo per cui questo cassetto non è mai in ordine). Al momento diverse cose citate sono mancanti in foto, così come nelle altre, poichè scattate dopo la preparazione di qualche prodotto che avevano richiesto materie prime non ancora riposte prima della foto.


Nell'ultimo cassetto tengo i flaconi, di diverse grandezze e materiale.


A parte l'idrolato di santoreggia riesco a tenerle tutte dritte, con la loro etichetta sul tappo per facilitare la lettura, lasciando quelli più pesanti in fondo, per evitare di far letteralmente sfondare a terra il cassetto al momento dell'apertura. Anche per questo ai flaconi ho riservato il piano più basso, in quando se anche dovesse cedere durante l'apertura la distanza da terra è davvero minima. In ogni caso, sapendo che i passanti di questa cassettiera sono di plastica, non troppo sicuri, pongo sempre molta attenzione quando li muovo. 



Questa è dunque la postazione in cui conservo tutte le materie prime, che trovo al momento abbastanza comoda e adatta per le mie esigente di praticità e spazio ridotto.
Spero di aver soddisfatto la vostra curiosità, nel caso abbiate ancora domande da pormi potete farlo come sempre nei commenti o privatamente!

                                                                                                                                Lalla